NewsPrimo piano

Si alza il sipario sul Grand Prix regionale di corsa 2019: tutte le gare della nuova stagione

Undici prove, saranno rappresentate tutte le province della Sicilia, solo a Palermo e Catania doppio appuntamento. Si comincia il 3 febbraio 2019. All'interno il regolamento da leggere, scaricare e conservare

Undici prove a rappresentare tutte le province della Sicilia, solo Catania e Palermo bisseranno i loro impegni; gare sotto l’egida della Fidal a marchio Bronze (uno dei tre distintivi che certificano il livello delle gare inserite nel calendario nazionale della federazione di atletica leggera) circuiti omologati, standard qualitativi elevati e a misura di atleta. Si presenta così, snello e moderno, il 25° Grand Prix Sicilia di corsa 2019 che prenderà il via il 3 febbraio 2019  da Catania con la quarta edizione della Coppa Sant’Agata.

Ideato e coordinato da Ignazio Gagliardi, il circuito 2019 è nato nelle scorse settimane a Caltanissetta con la stipula di un protocollo d’intesa a firma dei presidenti delle società Atletica Fortitudo Catania, Libertas Atletica Bellia, Polisportiva Atletica Bagheria ed Equilibra Running Team, Atletica Canicattì, Podistica Messina, Track Club Master, Running Modica e Il Castello Città di Modica, Universitas Pa e Gruppo Atletico Polisportivo Castelbuonese, Atletica Valverde, Floridia Running e 5 Torri Fiamme Cremisi.

Tra le novità, la prima riguarda i tempi di pubblicazione del calendario, che arriva ben due mesi prima della fine dell’anno, tempestività che sarà sicuramente gradita agli atleti che già oggi conosceranno gare e date, programmando così per tempo la loro stagione agonistica. Altra novità,  il passaggio della quota di partecipazione  da 8 e 10 euro (rimane invariata ad otto euro, la tassa relativa alla gara di corsa campestre) giustificato da livelli organizzativi che dovranno essere sempre al top; tradotto maggiori servizi agli atleti, con i due euro in più che serviranno ad ammortizzare l’aumento dei costi delle gare nazionali.

Dicevamo undici gare, un bel taglio rispetto alle 16 dell’ultimo GP che ancora non si è concluso; per entrare in classifica, gli atleti dovranno disputare almeno 9 prove, classifica che verrà stilata in base ai tempi, così come avviene da quest’anno nel circuito delle maratonine; stesso discorso per le classifiche di società queste saranno a punti e seguiranno un criterio di assegnazione decrescente.  Dall’edizione 2019 verranno introdotti premi in denaro per le prime sei società maschili e femminili che a fine stagione usufruiranno di un “tesoretto” di 150,00 euro in egual misura.

L’organizzazione guarda già anche alle edizioni che verranno con un criterio di scelta delle manifestazioni che vedrà meritocrazia (premiate le migliori organizzazioni di gare) e rotazione (potranno subentrare nuove gare ma all’interno della stessa provincia). Tutti i percorsi delle gare su strada saranno di 10 km certificati e omologati dai giudici Fidal, mentre gli atleti UOMINI appartenenti dalla categoria SM75 in poi e le DONNE dalla categoria SF60, gareggeranno su distanze non superiori ai SETTE chilometri.

Le gare: si comincia il 3 febbraio da Catania con la 4a Coppa Sant’Agata, la manifestazione che da tre anni ha ripreso le fila dello storico Trofeo Sant’Agata.  Il 17 febbraio tempo di cross con il Grand Prix nazionale di corsa campestre in programma a Piazza Armerina. L’ultimo giorno di marzo si correrà a Bagheria il 7° Trofeo del Mare che per l’occasione sarà abbinato al 3° Trofeo Equilibra Running Team. Nessuna gara ad aprile mentre saranno tre gli appuntamenti di maggio: il 5 il III Memorial Claudio Giudice a Canicattì, il 19 la terza edizione del Memorial Annarita Sidoti a Gioiosa Marea e il 26 maggio il Trofeo Kalat a Caltanissetta.  Il 9 giugno protagonista la provincia di Ragusa con il VI Trofeo Raffaele Denaro – Città di Modica; il 16 giugno tutti a Castelbuono per Aspettando il Giro 3° Trofeo Castelbuono. Fine estate con  StraFloridia a Floridia domenica 1 settembre e con Corriamo Valverde l’otto settembre a Valverde. Chiusura di circuito da Trapani giorno 13 ottobre con la classica Sale&Saline.

Un circuito che nasce quasi di pari passo con le norme 2019 emanate dal Comitato regionale della Fidal Sicilia, la più importante riguarda le distanze. Così come recitano le norme federali “al fine di creare armonia tra le manifestazioni é necessario creare la priorità in relazione al livello di manifestazione”.  Pertanto i livelli di priorità saranno i seguenti: Nazionale, Regionale e Provinciale. Per quanto riguarda le manifestazioni non stadia (corsa su strada, marcia, corse in montagna, trail…) sarà possibile organizzare due manifestazioni (della stessa tipologia) nello stesso giorno tenendo conto che: tra manifestazioni nazionale e regionale la distanza geografica non dovrà essere inferiore ai 180 km; tra nazionale e provinciale non inferiore ai 200 km; tra due regionali non inferiore ai 150 km; tra regionale e provinciale 150 km. Non si potranno organizzare più gare (della stessa tipologia) nello stesso giorno all’interno della provincia.

SCARICA E/O LEGGI IL REGOLAMENTO  Calendario GrandPrixSicilia Senior Master 2019_ok

REGOLAMENTO PER LE CLASSIFICHE FINALI E CRITERI DI ASSEGNAZIONE PUNTEGGI:

CLASSIFICA INDIVIDUALE

La classifica individuale di tappa sarà redatta sulla base dei tempi reali ottenuti dagli atleti e dalle atlete nella propria categoria di appartenenza.

La classifica individuale finale sarà redatta sulla base della somma dei migliori tempi reali che ogni atleta otterrà in almeno 9 delle 11 prove in programma.

BONUS: agli atleti che si saranno classificati in 10 gare sarà concesso un bonus di 2 minuti da decurtare dal totale dei 9 migliori tempi; agli atleti che si saranno classificati in tutte le gare (n.11) sarà concesso un ulteriore bonus di 3 minuti.

In caso di parità nella classifica finale sarà preferito l’atleta che avrà partecipato a più gare ed a seguire si valuterà chi si è classificato più volte primo in tutti gli scontri diretti. Perdurando la parità verranno considerati i migliori piazzamenti ottenuti.

 

CLASSIFICA INDIVIDUALE CIRCUITO BRONZE

Viene istituita un’ulteriore classifica maschile e femminile per il circuito denominato Bronze.

Per ogni gara i punteggi saranno assegnati in modo decrescente secondo il criterio seguente:

Il primo atleta classificato assoluto avrà un punteggio pari a 20;

Il secondo atleta classificato assoluto otterrà 15 punti;

Il terzo atleta classificato assoluto guadagnerà 11 punti;

Il quarto classificato ne avrà 8, il quinto 6, il sesto 5 e così via fino ad arrivare al decimo classificato.

La somma degli undici punteggi determinerà la classifica finale individuale del circuito Bronze.

 

CLASSIFICA DI SOCIETA’

Saranno premiate solo le società che avranno atleti classificati in 9 gare su 11.

In ciascuna gara, ai soli fini della graduatoria di società, saranno stilate le seguenti classifiche di tappa:

– assoluta maschile fino alla categoria SM70 ed assoluta femminile fino alla categoria SF55 (10 Km.);

– assoluta maschile dalla categoria SM75 in poi ed assoluta femminile dalla categoria SF60 in poi (7 Km. circa);

Al primo atleta assoluto, sia maschile fino alla categoria SM70, che femminile fino alla categoria SF55, saranno assegnati tanti punti quanti saranno i rispettivi atleti maschili e femminili arrivati al traguardo; al secondo un punto in meno rispetto al primo e così di seguito, fino ad assegnare un punto all’ultimo classificato.

Al primo atleta assoluto, sia maschile dalla categoria SM75 in poi, che femminile dalla categoria SF60 in poi, saranno assegnati gli stessi punti del primo atleta maschile e della prima atleta femminile della precedente classifica decurtando il punteggio in percentuale del 70%. A partire dal punteggio ottenuto dal primo atleta maschile e dalla prima atleta femminile (opportunamente decurtato in misura percentuale del 70%), verranno assegnati al secondo un punto in meno rispetto al primo e così di seguito, fino all’ultimo classificato.

La somma dei punti ottenuti da tutti gli atleti maschili e femminili della stessa società determinerà la classifica di tappa di società maschile e femminile.
La somma dei migliori nove punteggi determinerà la classifica finale di società maschile e femminile.
In caso di parità nella classifica finale sarà proclamata la società che si sarà classificata più volte prima in tutti gli scontri diretti.

 

PREMIAZIONE FINALE INDIVIDUALE E DI SOCIETA’

Saranno premiati con trofei o coppe i primi dieci classificati di ciascuna categoria maschile e femminile, i ”fedelissimi”, ovvero coloro che hanno portato a termine tutte le gare del Grand Prix ma che non sono riusciti a piazzarsi fra le prime dieci posizioni di categoria, il vincitore e la vincitrice del circuito Bronze, le prime dieci società maschili e le prime otto società femminili; inoltre saranno premiate in denaro le prime sei società maschili e femminili con un contributo di pari valore (€ 150,00).

Potrebbero interessarti

2 thoughts on “Si alza il sipario sul Grand Prix regionale di corsa 2019: tutte le gare della nuova stagione”

  1. Ho dato un’occhiata al regolamento del Grand Prix Regionale di Corsa per il 2019.
    La cosa che balza subito all’occhio è l’assurdo criterio di distribuzione dei punteggi – per quanto riguarda le classifiche societarie – assegnati agli atleti oltre la Cat. SM75 ed alle atlete oltre la Cat. SF60, secondo cui, a fronte di una riduzione del percorso di gara pari al 30% della distanza rispetto alle altre categorie, vengono assegnati gli stessi punti assegnati alle altre categorie ma decurtati del 70%. Sì proprio il 70%!!!!! Voglio sperare che sia stato commesso un errore nella trascrizione del regolamento perchè se viene ridotto il percorso applicando una percentuale, la stessa deve essere applicata nell’assegnazione del punteggio. In quanto questo nuovo sistema applicato penalizza ulteriormente questi atleti (parlo delle Categorie “meno giovani chiaramente”), assegnando alla fine paradossalmente meno punti di quanti ne prendessero col precedente regolamento. Mi complimento con la genialità di chi ha ideato questo machiavellico regolamento e ne convengo a questo punto che questi atleti che dovrebbero essere premiati oltremodo per ciò che fanno alla loro età, vengono invece umiliati e penalizzati in maniera vergognosa. Allora ditelo chiaramente: NON VI VOGLIAMO PIU’ IN QUESTE GARE AMATORIALI (?????), NON E’ UNO SPORT PER VOI!!!!! Beh, allora io vi rispondo che non avete capito un bel niente!!!!!

  2. Ragazzi over “75” e ragazze over”60″ dobbiamo proprio fare tanta paura se in tre anni è stato necessario aumentare il divario nei punteggi (70 %!!!!!) fra tutti gli altri concorrenti e noi! Complimenti questa si che è una modifica fatta ad hoc, c’è qualche società che se ne può avvantaggiare? A buon intenditor…..!….Un’altra .osservazione, come mai al trofeo Città Metropolitana di Palermo sono state incluse le categorie SM65 e SM70 nel percorso corto invece che sui 10 km come da regolamento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *