Casa FIDAL

Campionati Nazionali Universitari: Trio secondo nel triplo

Ai Campionati Nazionali Universitari di Milano nel triplo Antonino Trio atterra a 15,79 conquistando la piazza d’onore alle spalle del ventunenne Daniele Cavazzani

IMG_9048 (Copia)Ottima prova di Antonino Trio (Cus Messina/Atletica Villafranca) che ieri a Milano, nel corso della giornata inaugurale dei Campionati Nazionali Universitari 2014 si è piazzato al secondo posto nel salto triplo. Gara dagli ottimi riscontri, nonostante il vento contrario, con la vittoria che è andata a Daniele Cavazzani (CUS Roma/Studentesca CaRiRi), autore di 16,25 (-0.5), 15,97 (-1.4) e 4 nulli. Il ventunenne quest’anno ha superato per la prima volta i 16 metri a febbraio, con il 16,01 in occasione del quinto posto agli Assoluti indoor di Ancona). Antonino Trio, protagonista di recente nelle gare disputate presso il centro polisportivo del Cus Palermo, è giunto secondo in 15,79 (+0.6) misura questa ottenuta al terzo salto; Riccardo Appoloni (CUS Verona/Atl. Insieme New Foods) terzo in 15,50 (-0.5).

Tra i risultati portati a casa dai siciliani da ricordare il quinto posto di Maria Concetta Manna nei 100hs con il tempo di 14”98. Il 10° nell’alto di Francesco Traina (Cus Palermo) con la misura di 1.90, e il 10° posto nel triplo (11.73) per Maria Liliana Valvo (Cus Catania-ASD Catania 2000); Giulia Magno in gara per il Cus Catania vince la sua serie dei 400 con il tempo di 59″80 e si piazza al 15° posto assoluto.

 

La cronaca della 1a giornata nel comunicato Fidal:

All’Arena Civica Gianni Brera le gare aprono con il martello femminile dove la solista è la Tricolore Assoluta Micaela Mariani (CUS Pisa/CUS Pisa Atl Cascina): la toscana, allenata da Nicola Vizzoni, avvicina il primato personale (65,84) con la misura di 65,38 e 4 lanci oltre i 63 metri (N/64,73/64,65/59,23/65,38/63,34). I 100 metri, privi dell’annunciato Massimiliano Ferraro, vedono la volata di Lorenzo Bilotti (CUS Bologna/Atl. Imola Sacmi AVIS), che dopo una batteria da 10.58 (+1,0) si laurea campione italiano universitario con il crono di 10.44 (+0.0). Il 19enne, che nel luglio scorso ha fatto parte della 4×100 azzurra medaglia di bronzo ai Campionati Europei Juniores, si migliora in una volta sola di 18 centesimi (il precedente PB, 10.62, risaliva proprio alla gara individuale nella rassegna continentale under20). Alle sue spalle 10.51 per Alberto Boretti (CUS Genova), 10.58 per Tommaso Lazzarini (CUS Bologna/La Fratellanza Modena), 10.63 per Federico Cattaneo (CUS Milano/Atl Rovellasca). Buoni riscontri sulla pedana del triplo, nonostante il vento contrario, per Nei 3000 siepi femminili Valeria Roffino (CUS Piemonte Orientale/Fiamme Azzurre) piazza l’assolo solitario: 10:11.49.
La finale dei 110 ostacoli vede la conferma (è il campione universitario in carica) di John Mark Nalocca (CUS Camerino/Carabinieri) che però acciuffa solo negli ultimi 5 metri Carlo Giuseppe Redaelli (CUS Milano/Riccardi) fermando i cronometri a 14.05 (+0.1) con il lombardo a 14.08. Fra le donne vince Sara Balduchelli (CUS Milano/Bracco) col PB di 13.56 (+1.0) e l’argento va a Alessandra Feudatari (CUS Parma/Atl. Brescia 1950) con 13.96. Sul giro di pista è tripletta per la Bracco Atletica: Flavia Battaglia (CUS Roma) piega nel finale Marta Maffioletti (CUS Bergamo) 55.30 a 55.38, mentre l’ostacolista Beatrice Mazza (CUS Milano) dalla seconda serie balza al terzo posto con 55.71. Spalla a spalla nella retta finale dei 400 maschili. Roberto Severi (CUS Milano/CUS Pro Patria Milano) piega le voglie di sorpasso di Davide Re (CUS Torino): 47.28 a 47.49. Terzo Andrea Delfino (CUS Genova) a 47.95, sesto Vito Incantalupo (CUS Foggia/Enterprise Sport&Service) a 49.05.
Nei 1500 femminili la volata è tra Isabella Cornelli (CUS Milano/Atl. Bergamo Creberg) e la junior Giulia Aprile (CUS Firenze/Firenze Marathon): vince la prima con 4:28.24, mentre Aprile con 4:28.89 sfiora lo standard per la rassegna iridata di categoria di Eugene (4:28.00). Al maschile la gara corsa su ritmi tattici è vinta da Marco Pettenazzo (CUS Padova/Atl. Città di Padova) con 3:55.37 su Samuele Lazzaro (CUS Milano/Quercia Trentingrana) 3:56.03.  Nell’alto Teresa Maria Rossi (CUS Milano/CUS Pro Patria Milano) batte Anna Pau (CUS Siena/Atl. Prato) 1,76 a 1,74. Successo annunciato nel peso maschile per Tommaso Parolo (CUS Padova/Assindustria PD) con 16,85 mentre nel disco femminile Natalina Capoferri (CUS Brescia/Atl. Brescia 1950) si conferma regolare oltre i 50 metri e con una punta a 52,95 si prende il titolo. Alle sue spalle Elisa Boaro (CUS Udine) a 50,50. La finale femminile dei 100 è ventosa (+2.2) e con 4 atlete sotto i 12 secondi. La più veloce è Valentina Natalucci (CUS Urbino/Team Atletica Marche): dopo l’11.97 in batteria (+1.9) stampa 11.89. Seconda è Giulia Riva (CUS Milano/NA Fanfulla) col PB a 11.92, terza Sabrina Galimberti (CUS dei Laghi/Atl Rovellasca) con 11.95, quarta con lo stesso tempo Alessandra Marceddu (CUS Cagliari). Federica Giannotti (CUS Modena/Atl Reggio) è fermata da un crampo pochi metri prima del traguardo, mentre lottava per il titolo. Domani è in programma la seconda giornata che annuncia Eleonora Giorgi (CUS Milano/Fiamme Azzurre): la marciatrice azzurra sarà in gara nei 5.000 metri su pista che domenica scorsa l’hanno vista alla miglior prestazione mondiale.

Vai ai risultati http://www.fidal.it/risultati/2014/COD4405/Index.htm

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *