Brevi...di corsaPista, strada & trailPrimo pianoVarie

TrekTrail in Natural Running, appuntamento dal 14 al 16 settembre a Camaiore

Si terrà dal 14 al 16 settembre, con partenza da Camaiore, la prossima edizione del TrekTrail in Natural Running, un evento collocato all’interno dello Slow Travel Fest che porterà i partecipanti su percorsi altamente panoramici in vero spirito TrekTrail, ossia correndo “naturalmente” a lungo ed eventualmente camminando nei tratti più impegnativi. Ma cos’è il Natural Running? Scopriamo di più in quest’articolo.

Con l’espressione Natural Running si intende una tipologia di corsa che intende riportare l’uomo al suo contatto primordiale con la natura, quindi un’attività non solo fisica ma dal forte impatto emotivo che “rieduca” l’atleta a un più stretto rapporto con l’ambiente circostante, fatto per lo più di percorsi in montagna, sentieri tra gli alberi e spazi aperti.

Praticata con apposite calzature minimali che assicurano un diretto contatto con il terreno, come sandali e fivefingers, se non addirittura a piedi nudi, e in questo caso si parla di Barefoot Running, la corsa naturale non va confusa con un’attività di stampo ludico, sebbene la sua pratica possa essere entusiasmante, ma si tratta di un vero e proprio sport complesso e faticoso. Correre su percorsi non artificiali e a contatto con la terra può essere infatti particolarmente difficile se non si allenano i piedi e il corpo intero a questo tipo di attività.

Photo by Fuzzy Gerdes, Creative Commons 2.0

Per praticare Natural Running sono necessarie pazienza e costanza, questo è vero, ma i benefici sono davvero positivi: la corsa a contatto con il terreno infatti restituisce al piede una maggiore forza, stimola le funzionalità motorie e fa sì che gli stimoli giungano più rapidamente al cervello, in quanto non ammortizzati da una classica scarpa da corsa. Tutte le sensazioni provenienti dalle piante dei piedi si estendono, dunque, all’intero organismo, donando una sensazione diffusa di benessere che in altre tipologie di corsa risulta essere meno evidente.

Da non trascurare, poi, sono i benefici provenienti dalla pratica in ambienti naturali. Vivere un’esperienza di questo tipo tra gli alberi, le piante e l’aria più pura restituisce al corpo e allo spirito un’incredibile vitalità, altrimenti perduta tra gli stimoli artificiali della modernità.

Sebbene la filosofia di fondo del Natural Running sia quella di seguire la naturalezza dell’attività, l’allenamento riveste comunque un’importanza fondamentale, puntando sul miglioramento sia della corsa che della camminata e, dunque, sull’aumento delle capacità di sforzo, resistenza e durata, un training imprescindibile per questo come per altri sport in cui la fatica può prendere il sopravvento, come insegna anche lo sciatore di fondo e pokerista Marcus Hellner.

Avvicinarsi al Natural Running non è dunque così semplice come si potrebbe pensare, in quanto le difficoltà per chi non ha mai praticato questo tipo di corsa possono essere davvero tante. La fatica e lo sforzo legati alla presenza di superfici irregolari, scoscese e ruvide, che amplificano la complessità del percorso, possono infatti far demordere i principianti alle loro prime esperienze. In realtà, però, facendo leva sulla propria forza di volontà si scoprirà presto tutto il fascino di uno sport che non si limita all’aspetto tecnico ma racchiude in sé una filosofia ben più ampia e “olistica”.

L’evento proposto all’interno dello Slow Travel Fest di Camaiore, in programma per i prossimi 14-15-16 settembre, vuole essere anche un modo per far conoscere questa particolare tipologia di corsa, definita come un “modo di correre naturale ancora presente nel nostro DNA nonostante il condizionamento che questo subisce da pratiche agonistiche esasperate”.

  Photo by Unknown, Creative Commons 2.0

I percorsi proposti all’interno della manifestazione, che richiedono scarpe da ginnastica di tipo Trail e non da trekking, variano dai 10 ai 20 km, con possibilità di ridurne o estenderne la lunghezza a seconda delle capacità del gruppo. Seguiti da Guide Alpine e Tecnici qualificati della corsa, i partecipanti potranno dunque provare con la massima serenità un’esperienza completamente nuova, che potrebbe anche trasformarsi, perché no, nella spinta verso una nuova passione tutta da approfondire.

L’attività proposta, che vede come partner tecnici e logistici i negozi Maratonando, ProrockMountain Store e l’Ostello di Camaiore, è completamente gratuita e per prenotarsi basta inviare una mail all’indirizzo info@camaioreclimbingfestival.com: un’occasione da non perdere per vivere ore di sport e divertimento pienamente immersi negli splendidi scenari naturali della zona.

 

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *