News

Campionato italiano agonistico FISDIR: salto da record per Bianca. Vallone e Di Maggio a titolo

ll Campionato italiano agonistico di atletica leggera FISDIR ha regalato 3 nuovi record del Mondo e un totale di 11 record italiani. Organizzato dall’ASD AllenaMenti di Molfetta e svolto allo stadio “Cozzoli”, l’evento ha visto, questo fine settimana, sfidarsi 144 atleti con disabilità intellettivo relazionale. 

Siciliani sugli scudi, con tanta qualità e risultati da “vetrina”, a cominciare  da Salvatore Bianca, siciliano di Gela tesserato con Anthropos, che dopo 9 anni riesce ad aggiornare il record italiano del salto in alto con un brillante 1,63 m. Era dal 2013 che nessun atleta riusciva a scalfire l’1,60 di Andrea Poietti (Disabili Valcamonica).  Per Bianca un tris tricolore, oltre all’alto infatto sono arrivati i titoli italiani nel lungo e con la 4×100 dell’Anthropos.

Per Salvatore Bianca e Raffaele Di Maggio il 9 giugno si apriranno le porte del Golden Gala di Roma. Pass anche per gli europei di Cracovia del luglio prossimo, a loro si aggiungerà anche Fabrizio Vallone. 

Titolo italiano anche il velocista Raffaele Di Maggio nei 100 metri Open maschili (11″12) ed il mezzofondista Fabrizio Vallone nei 5000 (16’02”53) e nei 10000 metri (33’58”59) Open maschili, entrambi palermitani e tesserati con la società marchigiana della Anthropos Asd Polisportiva.  

Archiviata un’altra esperienza, dai risultati in costante miglioramento, per gli atleti della delegazione siciliana della Fisdir, rientrata sull’Isola con numerosi titoli italiani soprattutto per la classe C21 (Sindrome di Down). Nello specifico, si è posizionato al terzo posto nel Triathlon C21 maschile il rampollo di casa Telimar Filippo Talluto, che ha conquistato il gradino più basso del podio fermando il crono dei 100 metri piani a 16”51, la misura del salto in lungo a 2.25 e quella del Peso Kg 4 a 6.80. Per quanto riguarda la batteria della corsa ad ostacoli dei 100 Hs H 84-8.50 Open Femminile, a distinguersi è stata Camilla Ferlito (Asd Progetto Filippide).

Ottima anche la prestazione di un altro palermitano tesserato Anthropos Asd PolisportivaFabrizio Vallone, che ha saputo conquistare i titoli tricolore nel mezzofondo dei 5000 e 10000 metri Open maschili, rispettivamente con i croni di 16’02”53 e  33’58”59, facendo mangiare la polvere al suo più acerrimo rivale Simone Colasuonno. Ma è stato il settore C21 a dare maggiori soddisfazioni. Infatti, a conquistare il vertice del podio dei 200 metri C21 maschili è stato il rampollo TeLiMar, Giuseppe Di Marzo, che si è assicurato la finale pure nei 200 metri piani arrivando settimo con il tempo di 33”44, ma che non si è nemmeno lasciato sfuggire il bronzo nei 400 metri C21 maschili, conquistato con il crono di 1’23”01. Terzo gradino del podio nella Marcia 800 metri C21 maschili per il compagno di squadra Filippo Talluto, conquistato con il crono di 6’20”76. Torna il nome di Filippo Talluto anche sul podio della Marcia 800m C21 M+F e dei 100m Triathlon C21 M, dove si è posizionato terzo per entrambe le specialità rispettivamente con i croni di 6’20”76 e 16”51.

Ed è ancora il TeLiMar a timbrare sia la Staffetta 4×100 C21 maschile, dove ha raggiunto il secondo posto grazie alla compagine composta da Salvatore LeoneFilippo TallutoMatteo Richiusa e Giuseppe Di Marzo con il crono complessivo di 1’09”81, che la Marcia 1500 metri C21 maschili, dove si è assicurata il terzo posto grazie alla prestazione di Matteo Richiusa conclusa al crono di 12’43”51. Infine nella 4×100 Open maschile quarto posto per la Vivi Sano Sport (Adragna, Suriano, Stephene e Madonia) in 61 secondi. 

 Articolo redatto in collaborazione con l’ufficio stampa Fisdir Sicilia

CLICCA X TUTTI I RISULTATI

Sostieni SiciliaRunning

Siciliarunning da dieci anni è al servizio dei suoi lettori. Per continuare ad informare e a informarti Siciliarunning ha bisogno del tuo sostegno. Aiutaci con un tuo libero contributo.




Potrebbero interessarti

1 thought on “Campionato italiano agonistico FISDIR: salto da record per Bianca. Vallone e Di Maggio a titolo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *