Brevi...di corsa

Studenteschi: 1000 atleti in gara a Palermo

Il capoluogo siciliano il 24 e 25 maggio accoglie la Finale per gli Istituti di 2° grado. Domani la cerimonia di apertura per lanciare anche un importante messaggio nel nome della cultura della legalità.

Mille atleti in arrivo da 19 regioni d’Italia, 53 titoli in palio, ma soprattutto l’entusiasmo di tanti giovani sarà quello che, giovedì 24 e venerdì 25 maggio, scenderà in pista a Palermo per i Campionati Studenteschi di atletica leggera. Si tratta della Finale Nazionale per gli Istituti di 2° grado (nati 2001-2002-2003-2004). Una manifestazione, voluta dall’Ufficio sport della Direzione per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione del MIUR, in collaborazione con FIDALCONI e CIP. Saranno, infatti, 115 gli atleti delle categorie paralimpiche in gara nel capoluogo siciliano.

LA FIACCOLA – Ad accendere la fiaccola che darà l’avvio alla cerimonia di inaugurazione delle Finali dei campionati studenteschi sarà, in piazza Magione a Palermo, Antonino Emanuele Schifani, figlio dell’atleta e componente della scorta di Giovanni Falcone barbaramente ucciso nella strage di Capaci. Un avvio in diretta Rai, quello della rassegna studentesca che si svolge quest’anno presso lo Stadio del CUS Palermo, proprio in concomitanza con una serie di manifestazioni in occasione del 23 maggio. Presente anche una big dell’atletica azzurra come la triplista Simona La Mantia, la palermitana che in carriera è salita più volte sul podio degli Europei con un oro e un bronzo indoor e un argento all’aperto. 

UN MESSAGGIO OLTRE LO SPORT – Un evento che acquista così una valenza ancora più simbolica. E’, infatti, nel nome degli “angeli” del passato e del presente, uomini e donne delle scorte che quotidianamente rischiano la vita per proteggere servitori dello Stato come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, che quest’anno si commemora il 26esimo anniversario delle stragi di Capaci e di Via D’Amelio. Settantamila le ragazze e i ragazzi coinvolti in tutta Italia in iniziative promosse dalla Fondazione Falcone, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, per realizzare percorsi di educazione alla legalità nelle scuole del Paese. E così l’atletica leggera darà il suo importante contributo. E lo sport, ancora una volta, è chiamato ad essere non soltanto, “fair play” e “rispetto dell’avversario” ma, anche e soprattutto in eventi come questo, testimone di un messaggio importante per l’intera società, non solo per gli studenti delle scuole di Italia: no alle mafie.

GIOVANI PROTAGONISTI – I Campionati Studenteschi sono da sempre un’occasione in cui per far emergere il talento e le qualità di volti nuovi nel panorama giovanile. E infatti in questo genere di gare ogni tipo di pronostico lascia spesso il tempo che trova. A seguirli sul posto anche l’olimpionico e Direttore Tecnico del settore giovanile FIDAL Stefano Baldini. A Palermo non passerà inosservata la presenza di alcuni under 18 già protagonisti di eccellenti risultati di categoria. E’ il caso del lanciatore pugliese Carmelo Musci (Ist. Alberghiero Moro Trani) che parte da favoritissimo nel getto del peso, dopo aver riscritto più volte il record italiano Allievi del disco fino al 63,53 che ora lo vede al numero 1 delle liste mondiali stagionali U18. Nel disco, invece, sarà la volta di Krystian Sztandera (IIS Federico II di Svevia), il polacco di Siracusa che ha appena spedito l’attrezzo da 1,5kg a un notevolissimo 59,85. Nella stessa specialità, ma al femminile, da tenere d’occhio la figlia d’arte Diletta Fortuna (LS Lioy Vicenza), oro all’EYOF 2017 in Ungheria. Sulle barriere dei 100hs torna in azione la lombarda Veronica Besana (IS Bachelet Oggiono) che domenica a Bressanone ha incrementato il suo secondo posto nelle liste Allieve alltime con un più che promettente 13.46. Capitolo sprint con il capolista stagionale Allievi Federico Manini (IS Archimede Treviglio, 10.78) ai blocchi di partenza con Matteo Melluzzo (Liceo Einaudi Siracusa) ed Enrico Sancin (LS Oberdan Trieste). Nei 1000 metri si affrontano Assia El Maazi (ITC Sommeiler Torino), bronzo EYOF delle siepi, la pluricampionessa italiana su pista Sophia Favalli (LC Bagatta Desenzano del Garda) e la tricolore cadette Katja Pattis (LS Anich Bolzano). Attenzione anche alla pedana dell’alto femminile con la toscana Idea Pieroni (IS Fermi-Giorgi Lucca) accreditata con un PB 1,78. In chiave paralimpica spiccano i nomi dell’atleta di casa Raffaele Di Maggio (IISS Majorana Palermo), velocista oro ai Mondiali Indoor Inas e campione italiano cadetti 2016, oltre alla marchigiana Bianca Marini (LC Emanuele II Jesi), iridata paralimpica giovanile.

– ISCRITTI/Entries

Fonte Fidal

Foto Colombo/Fidal

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *