Pista, strada & trail

Successo per la 3a tappa del Campionato Regionale di società di Atletica Leggera Fisdir

Organizzatato dall'ASD Fuori dagli Schemi l'evento ha riunito in pista atleti disabili giunti da ogni parte dell'isola. Speaker della manifestazione il comico palermitano Totò Borgese

 Palermo. Circa 100 atleti disabili hanno preso parte sabato scorso alla 3a tappa del Campionato Regionale di società di Atletica Leggera Fisdir, organizzata dall’Asd “Fuori dagli Schemi“, sotto l’egida della Fisdir. Una festa di sport, integrazione, un momento di condivisione tra atleti disabili e normodotati. La pista, il cronometro, la gara, tanto divertimento e puro agonismo tra uno sprint sui 60 piani, un doppio giro di pista (con gli 800 metri) e i 1500 piani. Una vittoria per tutti, una vittoria per coloro che seguono questi ragazzi, li allenano, affiancandoli agli atleti normodotati, creando basi di “normalità che nel tempo diventano solide , granitiche per una vita che può e deve tornare a sorridere. A suggellare questa normalità, i due testimonial della manifestazione Raffaele Di Maggio, campione mondiale 60 metri indoor Fisdir e Fabrizio Vallone, campione europeo maratona Fisdir.  Non c’è sport, senza agonismo, perché la sfida aiuta a crescere, dentro e fuori ed ecco che la terza prova del campionato ha visto la vittoria (e dunque non solo morale) dell’ASD Fuori dagli Schemi del presidente Noemi Piccionello che ha preceduto, e lo ha fatto nettamente, l’ASD AIFFAS di Vittoria e l’AS Dilettantistica di Caltagirone. Nove in tutto le società presenti ed entrate in classifica, a rappresentare tutta la Sicilia, da Mazara del Vallo ad Augusta, da Ravanusa, passando per Alcamo e Villabate.

Un successo, e non ci stancheremo mai di sottolinearlo, per una manifestazione che a Palermo mancava da 10 anni. Ognuno ha dato il suo contributo, in un susseguirsi di emozioni, sorrisi e goliardia. Per tutti, ma soprattutto per chi , sabato guardava dagli spalti il messaggio forte e chiaro: queste società non fanno terapia, ma fanno sport, insieme a ragazzi meno fortunati che sono splendidi atleti, desiderosi di normalità perché la disabilità sta negli occhi di chi guarda e manifestazioni come quella di sabato lo insegnano  a tutti noi…

Foto copertina pagina FB  – ASD Fuori dagli Schemi

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *