Sostieni SiciliaRunning

Caro lettore da settimane la redazione di siciliarunning lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi e affidabili anche sulla emergenza Coronavirus, in un momento lavorativo difficile tra gare podistiche annullate ed eventi saltati.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento difficile. Grazie!




NewsPrimo piano

Flessibilità e sicurezza: ecco il 26° Grand Prix Sicilia di corsa su strada

Undici prove, da maggio a dicembre, per provare a ripartire, nel segno della flessibilità, della sicurezza e soprattutto dell’ottimismo. Si presenta così il 26° Grand Prix Sicilia di corsa su strada, annullato nel 2020, stoppato ad inizio 2021 e pronto a svolgersi (per la gran parte di gare) nella seconda parte di quest’anno. Un anno ancora alle prese con la pandemia, vaccini e colorazioni di regioni e comuni che cambiano quasi di settimana in settimana, ma che guarda con speranza al suo secondo semestre quando le vaccinazioni e le restrizioni di questi mesi, dovrebbero consentire un lento, graduale ritorno verso la normalità.  I margini per ripartire ci sono, lo dicono gli organizzatori, lo vogliono i podisti, con le giuste accortezze e seguendo alla lettera i protocolli e le linee guida che saranno in vigore al momento in cui si svolgerà l’evento; un circuito snello, ritagliato apposta per il podista

Prenderà il via il 9 maggio da Ragusa, dunque, il 26° Grand Prix Sicilia, circuito che raggruppa undici manifestazioni di corsa su strada inserite nel calendario nazionale Fidal e che pertanto possiedono, in base al provvedimento del Coni, il requisito di preminente interesse nazionale, caratteristica essenziale affinché una manifestazione sportiva possa svolgersi durante il periodo di emergenza sanitaria causata dalla pandemia Covid-19.

E proprio il perdurare della situazione di incertezza dovuta alla pandemia ha spinto gli organizzatori a trovare una formula flessibile, con alcune deroghe alle norme consuetudinarie che regolano i circuiti di corsa su strada, per far sì che il grand prix possa comunque iniziare già nei prossimi mesi, con due prove in programma tra maggio e giugno, per poi proseguire a settembre, auspicando negli ultimi mesi dell’anno un ritorno alla normalità, o quasi.

La prima deroga riguarda la tipologia: per facilitare il rilascio delle autorizzazione da parte delle autorità locali e prevenire probabili annullamenti anche a ridosso della gara, le manifestazioni (soprattutto le prime in ordine di tempo) potranno svolgersi su percorsi diversi da quelli tradizionali e omologati, anche di lunghezza diversa dai classici 10 km, in posti isolati, lontani dai centri cittadini o in aree naturali, che garantiscano una maggiore sicurezza sanitaria e l’assenza del pubblico.

La seconda deroga, finalizzata a preservare gli organizzatori dal rischio economico di un possibile annullamento della manifestazione per causa a loro non imputabile, esime le società organizzatrici dal prevedere la premiazione e dal fornire il pacco gara, come fortemente raccomandato dal protocollo redatto dalla Fidal per la ripartenza delle manifestazioni non stadia. In conseguenza di ciò è stata abbassata la quota di iscrizione, che sarà di 8 euro, e che verrà integralmente rimborsata in caso di annullamento. Gli organizzatori avranno comunque la facoltà, a loro
discrezione (e sempre che il disciplinare a suo tempo vigente lo consentirà), di effettuare la premiazione e fornire il pacco gara, senza però aumentare la quota di iscrizione. La premiazione finale del grand prix si svolgerà come di consueto a fine anno.

Si è poi derogato alla rigidità del punteggio per le classifiche finali individuali e di società, che sarà flessibile nel numero minimo di prove necessarie per classificarsi: sarà possibile scartare due prove, a prescindere dal numero di manifestazioni che effettivamente si svolgeranno.

Ma veniamo al calendario delle manifestazioni. Si inizierà come dicevamo il 9 maggio a Ragusa, nella Riserva Naturale di Randello, con la quarta edizione della Jazz Run, organizzata dalla No al Doping Ragusa, che per l’occasione si svolgerà in modalità cross. Si proseguirà il 6 giugno a Palermo con il Trofeo di Primavera, organizzato dall’Universitas Palermo e dalla Murialdo Cefalù.

Durante l’estate, probabilmente ad Agosto, potrebbe svolgersi il 3° Trofeo Carnevale di Acireale (Asd Correndo per Aci), manifestazione legata alle sorti del rinomato carnevale acese, che potrebbe trovare un’inconsueta collocazione estiva, ma il cui effettivo svolgimento sarà legato all’evolversi della pandemia. Il mese di settembre si presenta ricco di eventi, con ben tre prove in programma: il 5 la settima edizione di CorriAmo Valverde, organizzata dall’Atletica Valverde in collaborazione con la Pol. Fiamma San Gregorio, il 12 a Caltanissetta la ventesima edizione del
Trofeo Kalat, organizzata dal Track Club Caltanissetta, e il 19 la 2^ StraFloridia, organizzata dalla Floridia Running. Due le manifestazioni in programma sia ad ottobre che a novembre: il G.S. 5 Torri Fiamme Cremisi organizzerà il 3 ottobre a Trapani la ventiquattresima edizione del Trofeo Sale&Saline; il 24 ottobre saremo sulla costa tirrenica, a Gioiosa Marea, con il 3° Memorial Federico Amato organizzato dalla Pol. Europa Messina; il 7 novembre sarà la volta del 1° Trofeo Podistico Sciacca Terme, che vede la collaborazione della Pol. Agatocle Scicca con la Sciacca Running (società nata dalla fusione della Marathon Club Sciacca con La Tartaruga); ancora due le
società (Equilibra Running Team e Pol. Atletica Bagheria) che organizzeranno la penultima prova, che avrà luogo a Bagheria il 14 novembre: l’8° Trofeo del Mare – Trofeo Equilibra Running Team.
Chiuderà il circuito il 5 dicembre il 4° Trofeo Città del Gattopardo, organizzato a Palma di Montechiaro dall’Atletica Rosamaria.

Tutte le prove si svolgeranno seguendo rigorosamente il protocollo previsto dalla Fidal per consentire la ripartenza delle manifestazioni non stadia, seguendo le linee guida che saranno in vigore al momento in cui si svolgerà l’evento. Ricordiamo le principali prescrizioni attualmente vigenti: è vietata la presenza del pubblico; dovranno essere particolarmente controllati i flussi in entrata e in uscita nelle varie aree interessate; l’accesso al campo gara è riservato soltanto agli atleti e agli accompagnatori (dirigenti e tecnici autorizzati), previa la misurazione della
temperatura corporea, l’igienizzazione delle mani e la consegna dell’autocertificazione no-covid; è obbligatorio per tutti (atleti, accompagnatori, giudici, addetti ai lavori) indossare la mascherina, ad eccezione degli atleti durante la gara (dovranno toglierla dopo i primi 500 metri e indossarla subito dopo aver tagliato il traguardo, o in caso di sosta dovuta a ritiro); le iscrizioni si effettueranno esclusivamente on line e non saranno ammesse iscrizioni sul campo gara; dove i percorsi saranno particolarmente stretti o non sufficientemente lunghi da evitare i doppiaggi, saranno previste più serie (gli scaglioni di partenza non potranno comunque superare i 500 partecipanti e dovrà essere
garantita la distanza di almeno un metro nelle fasi di partenza, nel pre e nel post competizione); i pettorali dovranno essere ritirati da un responsabile per società e gli organizzatori dovranno predisporne la distribuzione in modo da evitare assembramenti (se possibile anche il giorno prima o per appuntamento); i chip per il rilevamento dei tempi dovranno essere monouso o sanificati e inseriti singolarmente in una bustina di plastica sigillata; nei ristori potranno trovarsi soltanto prodotti confezionati (acqua in bottiglie chiuse, senza bicchieri, barrette o altro cibo solido in
confezione sigillata) e dovrà evitarsi ogni contatto tra atleti e personale addetto; sono vietati gli spugnaggi (consentite soltanto le docce con nebulizzatore); è vietato il pasta party; è consentita, ma sconsigliata, la consegna del pacco gara (in apposita sacca chiusa, a fine gara, unitamente al ristoro post gara, dove potrà essere inserita l’eventuale medaglia di partecipazione); i risultati non potranno essere affissi, ma saranno consultabili soltanto on line; dove sarà prevista la premiazione, gli organizzatori dovranno predisporre una zona podio abbastanza ampia ed evitare la consegna diretta del premio; sarà consentito premiare in loco soltanto il podio maschile e
femminile: eventuali premi di categoria e di società saranno spediti o consegnati su appuntamento.

SCARICA REGOLAMENTO E CALENDARIO ( CLICCA QUI )

Il coordinamento delle società organizzatrici
del Grand Prix Sicilia 2021

Sostieni SiciliaRunning

Caro lettore da settimane la redazione di siciliarunning lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi e affidabili anche sulla emergenza Coronavirus, in un momento lavorativo difficile tra gare podistiche annullate ed eventi saltati.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento difficile. Grazie!




Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *