Sostieni SiciliaRunning

Caro lettore da settimane la redazione di siciliarunning lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi e affidabili anche sulla emergenza Coronavirus, in un momento lavorativo difficile tra gare podistiche annullate ed eventi saltati.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento difficile. Grazie!




News

Cartelloni choc a Cagliari, presi di mira anche i podisti

Se voleva farsi pubblicità, il sindaco di Cagliari, c’è riuscito  benissimo, se voleva lanciare un messaggio diretto e vincente, ha perso una grande occasione. Perché la campagna lanciata dal primo cittadino sardo per invitare i cagliaritani a rimanere a casa, in questa difficile e complicata emergenza sanitaria, è risultata essere tanto dura quanto offensiva, finendo con il colpire ancora una volta la parte più debole della “catena”, i podisti, colpevolizzandoli oltre modo, oltre ogni lecita critica, che si possa a loro rivolgere. 

Il classico terrorismo mediatico che crea odio e risentimento. Sappiamo benissimo quanti morti si contano in Italia, quanti i contagiati, il lavoro estenuante di medici, infermieri, dei volontari, della protezione civile, della croce rossa; sappiamo che ognuno di noi deve svolgere il suo compito per gli altri e nel rispetto di tutti, ma il sottolineare che tutti i mali del mondo sono i podisti che corrono, comincia a dare fastidio. Laddove si può ancora correre, si può disquisire sulla eventuale opportunità di farlo (seguendo sempre le giuste direttive) ma adesso si sta passando dalla figura del podista untore a quella del podista killer.  Una provocazione errata, con il messaggio che mira a creare un senso di colpa, in chi lo legge…

Almeno i diversi manifesti formato gigante che riportano semplicemente il testo, duro: «Quando hanno intubato mio padre – recita uno – ho ripensato a quella passeggiata che dovevo evitare». In un altro il testo del manifesto dice: «Quando mio figlio è stato contagiato, ho capito che dovevo rinunciare a quella spesa inutile», il terzo: «Quando hanno portato mia madre in ospedale, ho capito che dovevo rinunciare alla corsa, il quarto “Quando ho visto trasportare le bare, mi sono vergognato di essere uscito di casa senza ragione”.  

“Ai cittadini di Cagliari, un abbraccio”…

Sostieni SiciliaRunning

Caro lettore da settimane la redazione di siciliarunning lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi e affidabili anche sulla emergenza Coronavirus, in un momento lavorativo difficile tra gare podistiche annullate ed eventi saltati.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento difficile. Grazie!




Potrebbero interessarti

1 thought on “Cartelloni choc a Cagliari, presi di mira anche i podisti”

  1. Ed i vertici Fidal cosa dicono? I tapascioni sono buoni solo quando pagano e rinnovano. Il rispetto delle regole innanzitutto. La difesa della dignità è doverosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *