Sostieni SiciliaRunning

Caro lettore da settimane la redazione di siciliarunning lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi e affidabili anche sulla emergenza Coronavirus, in un momento lavorativo difficile tra gare podistiche annullate ed eventi saltati.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento difficile. Grazie!




Pista, strada & trail

Faniel: “e adesso togliamo quei 7 secondi”. Un pensiero anche per Berradi

 “HO SOFFERTO IL VENTO, FIDUCIOSO PER TOKYO” – “Okay il record italiano, ma adesso pensiamo subito a togliere questi sette secondi che mancano per scendere sotto l’ora – le parole di Eyob Faniel – stamattina abbiamo sofferto un po’ il vento, spesso frontale, talmente forte che ti portava via. Però ci siamo aiutati dandoci i cambi con i ragazzi keniani, come avevamo fatto in allenamento a Kapsabet. Lì ho trovato un gruppo fantastico e oggi siamo stati tutti uniti. Sono contentissimo dei complimenti arrivati da Rachid Berradi perché prima ancora di essere stato un grande atleta è un grande uomo, per tutto quello che sta facendo a Palermo per i ragazzi in situazioni svantaggiate”. Tre record in un anno, e scusate se è poco: “Nonostante tutto, nonostante l’emergenza Covid e un anno così difficile, abbiamo azzeccato tutte le uscite – continua Faniel – Oggi l’ho gestita bene ed è stata la conferma del lavoro fatto in allenamento, che è tutto finalizzato per le Olimpiadi di Tokyo. Nelle prossime settimane, da qui a metà aprile, ho l’idea di gareggiare altre due o tre volte, e una di queste potrebbe essere un’altra mezza maratona, proprio per provare a ritoccare ancora questo record. Poi da fine aprile tutto sarà rivolto alla maratona olimpica: oggi, se penso a Tokyo, sono ancora più fiducioso”.

Una prima esperienza amara, invece, per Yeman Crippa: “Dal sesto chilometro ho cominciato ad avvertire delle fitte al fianco, più andavo avanti e più aumentavano – racconta – ecco perché poco dopo il decimo km ho deciso che era meglio fermarmi. Speravo in una giornata diversa ma l’appuntamento è soltanto rimandato, non mancheranno occasioni per cimentarmi nella mezza. Mi complimento con Eyob perché ha corso davvero forte. E tornerò in gara alla Cinque Mulini il 28 marzo”. Dal fronte azzurro, quinto posto per Francesco Agostini (Casone Noceto) con 1h04:41, sesto Stefano La Rosa (Carabinieri, 1h:04:52), settimo Andrea Soffientini (Azzurra Garbagnate, 1h05:01). Nella prova al femminile, assolo per la quotata israeliana Lonah Salpeter (1h07:09) che puntava soprattutto al passaggio ai 10 km (30:35), seconda Sofiia Yaremchuk (Acsi Italia) in 1h11:20.

Fonte Fidal

Foto F. Grana

Sostieni SiciliaRunning

Caro lettore da settimane la redazione di siciliarunning lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi e affidabili anche sulla emergenza Coronavirus, in un momento lavorativo difficile tra gare podistiche annullate ed eventi saltati.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento difficile. Grazie!




Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *