Sostieni SiciliaRunning

Caro lettore da settimane la redazione di siciliarunning lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi e affidabili anche sulla emergenza Coronavirus, in un momento lavorativo difficile tra gare podistiche annullate ed eventi saltati.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento difficile. Grazie!




News

I gemelli Zoghlami ad Atletica.TV. “La nostra (bellissima) storia”

Ala campione italiano dei 3000 siepi e dei 5000, Osama dei 10.000. In Sicilia a 3 anni, l’incontro con coach Gaspare Polizzi, il sogno di Tokyo e l’orizzonte di Roma 2024: “All’Olimpico daremo il 110%”

Quando l’atleta che vuoi battere e quello per cui tifi sono la stessa persona: il tuo gemello. Nella puntata di questa settimana del talk di Atletica TV la scena è tutta per loro, Ala e Osama Zoghlami. Le maglie delle Fiamme Oro e dell’Aeronautica aiutano a distinguerli, tanto si somigliano i due fratelli siciliani, 26 anni, tunisini d’origine, talmente in simbiosi che a distanza di poche settimane sono andati a braccetto anche nella conquista di titoli italiani: Osama nei 10.000 a Vittorio Veneto, Ala a Modena nei 5000 e nella specialità prediletta di entrambi, i 3000 siepi, battendo proprio Osama: “La competizione tra noi due ci aiuta tanto – le loro parole – A Modena stavamo entrambi bene, la condizione fisica e mentale era ottima. Correre forte o non partecipare: c’eravamo detti questo, con coach Gaspare Polizzi”. In particolare Ala veniva da due anni di infortuni: “Dovevo darmi un input e la Festa dell’endurance mi ha ridato la sicurezza di poter vincere e tenere certi ritmi”. Osama partiva da favorito ma ha dovuto scontrarsi con la determinazione del fratello: “Sì, volevo vincere, ma Ala era talmente avvelenato dopo due anni difficili che nel finale è andato via”. 

“LA NOSTRA STORIA” – Simpatici, affiatati, pieni di sogni: il duetto funziona. Alle spalle una storia personale che comincia dalla Tunisia: “Siamo arrivati in Sicilia a tre anni, a Valderice, nella provincia di Trapani. In sostanza abbiamo atteso la cittadinanza italiana per quasi diciassette anni ed è arrivata poco prima degli Europei under 20 di Rieti nel 2013. Ci aveva scoperto come atleti Enrico Angelo, poi ci eravamo trasferiti a Palermo, con pochi soldi in tasca, ma il Cus Palermo e Polizzi hanno sempre creduto in noi”. È l’esperienza e la lungimiranza di chi ha portato Totò Antibo all’argento olimpico e sul tetto d’Europa. Il racconto degli Zoghlami tocca anche il bronzo europeo under 23 di Osama a Tallinn 2015 (con Ala quarto), i Mondiali di Londra di due anni dopo corsi da Ala e quelli di Doha del 2019 affrontati invece da Osama. E prosegue con la prospettiva di Tokyo (Osama ha lo standard con l’8:20:88 dello scorso anno, Ala lo insegue dopo l’8:26.22 di Modena) e con una nuova sfida all’orizzonte, quella splendida e attesissima degli Europei di Roma 2024. “Una notizia bomba che ci ha fatto gioire, diventa l’obiettivo principale insieme alle prossime due edizioni dei Giochi. Entrerà nella storia”, ne è convinto Osama. “Noi azzurri dobbiamo dare il 110% – concorda Ala – e l’Olimpico darà una spinta in più”.

da Fidal

Sostieni SiciliaRunning

Caro lettore da settimane la redazione di siciliarunning lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi e affidabili anche sulla emergenza Coronavirus, in un momento lavorativo difficile tra gare podistiche annullate ed eventi saltati.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento difficile. Grazie!




Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Close