News

Giuseppe Gerratana e Federica Sugamiele: un azzurro fortemente cercato…

Sensazioni ed emozioni per l'ericina Sugamiele e il modicano Gerratana, dopo la convocazione in azzurrop per glik europei di cross di Lisbona. Felici ed emozionati...

Giuseppe Gerratana rivede l’azzurro di una maglia che ha già indossato più volte ma che negli ultimi tempi si era un po’ sbiadita, Federica Sugamiele corona una stagione da incorniciare con la sua “prima volta” con la nazionale maggiore. Situazioni diverse, stessa felicità per la convocazione alla rassegna continentale di corsa campestre, in programma domenica 8 dicembre a Lisbona. In tutto i convocati sono 19 donne e 16 donne, tra seniores, under 23 ed under 20.

“Sono molto felice per questa convocazione – ci dice una raggiante Federica Sugamiele; avevo puntato questa maglia ad inizio di anno e finalmente è arrivata. Io e il mio allenatore (Gaspare Polizzi n.d.r.) abbiamo lavorato duramente per poter fare dei piccoli passi avanti (il secondo posto ai campionati italiani di mezza maratona disputati ad ottobre a Palermo hanno sicuramente fatto da viatico alla meritata convocazione n.d.r.).  La strada è ancora lunga ma stiamo lavorando bene”.  

“Sono contento ed emozionato – esordisce così  Giuseppe Gerratana – per questa convocazione sentita e voluta e che arriva dopo le difficoltà che ho patito nell’ultimo anno nel non riuscire ad esprimere tutto il mio potenziale, che adesso pian piano sta uscendo fuori. Una convocazione che è un trampolino di lancio per il 2020, un punto di partenza dopo il cambio di allenatore ed il mio trasferimento a Grosseto. Ad Osimo (cross di Valmusone)  dove Gerratana  è giunto secondo (riscattando ampiamente il ritiro di Sgonico) le sensazioni sono tornate ad essere positive, ho corso con intelligenza e mi sento di essere sulla strada che porta alla migliore forma. Una convocazione, che mi fa tornare a vestire la maglia azzurra e che dedico alla mia famiglia che mi è stata sempre vicino, al mio attuale allenatore (il toscano Claudio Pannozzo n.d.r.) fautore di una buona programmazione e al mio “vecchio” allenatore (Salvo Pisana n.d.r.)  con il quale , mi sento sempre molto vicino, malgrado sia andato via da casa”.

Un rapporto bello che  ha consentito a Giuseppe Gerratana, di rimanere sereno, malgrado gli ultimi cambiamenti e un periodo di certo non fortunato. La dedica coinvolge un po’ tutti, amici e persone che come Giuseppe e Federica amano l’atletica. E allora come dice in chiusura di intervista Gerratana “a Lisbona ci sarà da divertirsi”…

(ma)

Foto Fidal Colombo

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *