Brevi...di corsa

Firenze Marathon numero 36: domani la carica dei 9000. Presentati i Top

La partenza alle 8.30 da Piazza Duomo dove è situato anche l’arrivo, preceduta di 3 minuti dallo start della gara per diversamente abili in handy bike. Tra i top runner Alessio Terrasi

Ultime ore prima del via della 36esima edizione della Asics Firenze Marathon che domani, domenica 24, torna puntuale nell’ultima domenica di novembre. La seconda maratona in Italia per numero di partecipanti, la seconda in Italia per numero di iscritti, ancora una volta punto di riferimento per tutto il movimento podistico toscano e non solo.
La partenza alle 8.30 da Piazza Duomo dove è situato anche l’arrivo, preceduta di 3 minuti dallo start della gara per diversamente abili in handy bike.

Nella giornata di oggi numerose le iniziative al Marathon Expo alla Stazione Leopolda e quelle collegate, come la Ginky Family Run di 2,2 km, che ha visto al via circa 500 partenti tra bambini e genitori.
Subito dopo nella mattinata si è disputata la HUAWEI staffetta 3x7k – Firenze Charity Run, anche questa con logistica e villaggio in Piazza Gui alle Cascine, davanti al teatro del Maggio Musicale, contiguo alla Leopolda. Sono state quasi 600 le staffette al via, per complessivamente 1800 podisti partecipanti e grande battaglia nonostante la denominazione di “non competitiva” e lo scopo benefico dell’iniziativa. Primo al traguardo il terzetto della Trievolution Triathlon che ha chiuso in 1 ora 10’47” con Daniele Leonardi, Luca Borgianni e Cristiano Iuliano. Secondi gli “Horses” con Savino Lasorsa, Manuel Falci e Bernardo Nicese (1:11’13”). Poi la formazione dell’Atletica Castello con Andrea Zombardo, Christian Taras e Nicolò Bandini (1:12’47”).
Prima formazione mista è stata quella del Castello-Fiorino (10° posto, 1:16’53”) con Elena Canuto e Mohamed Mohamud più Lorenzo Bocca  Dietro di due posizioni la Toscana Atletica con Emma Minuti in seconda frazione, oltre a Natnael Pagliai e Mattia Treve (1:18’49”). Terza formazione mista quella denominata “Champions” (14esima in 1:20’48”) con Giada Monti in ultima frazione oltre a Teodosio La Cala e Gennaro Capitolo.
Il Trofeo Mauro Pieroni è andato alla Onlus che ha raccolto più adesioni che è stata quella legata all’ospedale pediatrico Meyer, con lo slogan Io coro per il Meyer.

MARATONA, LE ULTIME
Per quanto riguarda la maratona, una defezione dell’ultimora riguarda Fatna Maraoui, l’azzurra che detiene tutt’ora il primato delle italiane alla maratona di Firenze fatto nel 2016 con 2:30’52” non sarà al via contrariamente a quanto annunciato, per un problema fisico.
Il numero dei partecipanti è aumentato alla fine della due giorni dell’Expo, dove era riaperta la finestra delle iscrizioni. Gli iscritti hanno superato la barriera dei 9000, precisamente sono 9025.

La curiosità è vedere quanti si schiereranno effettivamente al via e quanti arriveranno al traguardo. La Firenze Marathon è uno degli eventi con minor differenziale tra partiti e arrivati al traguardo. Lo scorso anno erano stati 7585 i classificati ufficiali nel tempo limite di sei ore e 15 mentre erano partiti in 7905.

Saranno circa 2500 i volontari lungo il percorso; un centinaio i pace-maker coordinati dalla Fulvio Massini Consulenti Sportivi, quasi 40 le band piazzate lungo il percorso che suoneranno per rallegrare i maratoneti e per fare da ulteriore catalizzatore di pubblico.

Tre minuti prima del via della maratona, alle 8.27, partirà la MarathonAbile, la gara per diversamente abili con le “carrozzine”, unica eccezione la gara riservata alle carrozzine per i diversamente abili, che prenderà il via 3 minuti prima della maratona sullo stesso percorso, dove Christian Giagnoni tenterà di ripetersi per la quarta volta.


LA VIGILIA DEI TOP RUNNERS
All’Expo dell’Asics Firenze Marathon, davanti a centinaia di maratoneti, presentati sul palco centrale anche i top runner che proveranno ad aggiudicarsi la vittoria. Dopo la defezione della Maraoui, l’attenzione per l’Italia si sposta su Elisa Stefani (Asd Brancaleone) che sogna un nuovo primato personale dopo il 2h33’36” fatto a Praga in questa primavera. “Sono molto tranquilla e serena, cercherò di divertirmi come sempre faccio, difficilmente mi faccio prendere dall’emozione o agitazione – fa sapere Elisa – Il sogno ovviamente come ogni atleta è partecipare alle Olimpiadi. Per andare a Tokyo è necessario fare almeno 2h29’30”, qui a Firenze o in primavera darò il massimo per provarci”. Il sogno degli organizzatori è battere il primato della gara, al maschile regge il 2h08’40” firmato dal keniano James Kutto nel 2006, mentre al femminile nel 2018 è stata l’israeliana Lonah Chemtai Salpeter a fare il nuovo record di 2h24’17”. Per riuscire a battere il record gara Fulvio Massini, direttore tecnico della maratona di Firenze, ha ingaggiato due pacemaker d’esperienza: il numero 9 Kiprono Kipkemoi e il 10 Jackson Kemboi Rutto che avranno il compito di correre intorno ai 3’01” al km per un passaggio alla mezza maratona in 1h 03’50”, massimo 1h 04’00”. La prima lepre correrà fino al 30° km, la seconda tirerà invece il gruppo fino al km 32. Sarà il n.16 Jean Baptiste Simukeka a tirare il gruppo femminile, concordato con i vari coach delle atlete un ritmo di 3’30” al km per un passaggio alla mezza maratona di 1h13’50”-1h14’00”. Simukeka proverà a scortare la prima donna anche fino alla finish-line nella splendida piazza Duomo. Pettorale numero 8 all’altofontino Alessio Terrasi (Parco Alpi Apuane) nel 2018 campione italiano di maratona. 

 

Questo nel dettaglio il PROGRAMMA DELLA DOMENICA:
8:27 Partenza Maratona Atleti Diversamente Abili – Piazza Duomo
8.30: Partenza Maratona 42,195 km – Piazza Duomo
9:45 Arrivo primi concorrenti Diversamente Abili – Piazza Duomo
10:40 Arrivo primi concorrenti Maratona – Piazza Duomo
11.15 Premiazioni ufficiali – Piazza Duomo
14:45 Tempo massimo per concludere la gara.
19.30 Marathon Party presso l’ObiHall.

LA MARATONA IN TV
La Rai trasmetterà una doppia differita su Raisport nella stessa giornata della manifestazione, domenica 24 novembre, alle 14.30 e alle 22.30.

I RIFERIMENTI TECNICI
Il record della gara maschile è del keniano James Kutto che chiuse in 2h 08’40” nell’edizione 2006.
Il record della gara donne
è stato migliorato nel 2018 per merito della israeliana di origini keniane Lonah Chemtai Salpeter che aveva corso in 2 ore 24’ e 16” (tra l’altro per la prima volta a Firenze correndo la seconda parte più veloce della prima) battendo il record della manifestazione che risaliva al 2002 di Helena Javornic (2’28’15”).

ALTRI EVENTI
Tra gli eventi svoltisi in settimana la “leva” di atletica “I più Veloci, Forti e Resistenti di Firenze – Trofeo Conad” che si è svolta in due giornate all’Asics Firenze Marathon Stadium e le cui premiazioni si sono tenute all’Expo. Vi hanno preso parte 317 ragazzi delle scuole elementari, 646 delle medie e 638 delle superiori, per la soddisfazione dei dirigenti dell’Atletica Firenze Marathon che ha collaborato all’organizzazione.
 
Tanti personaggi presenti anche ai convegni tecnici e negli stand del Marathon Expo, tra cui i ciclisti Filippo Pozzato e Giogio Ballan, mentre nel seminario curato dalla Fidal Toscana con moderatore il segretario Massimiliano Santangelo hanno partecipato Stefano Baldini, i professori Luca Gatteschi e Luca Magni e l’ex allenatore di Alessandro Lamburschini, Giancarlo Chittolini. Per il mondo dell’atletica sono transitati tra gli Eleonora Giorgi, Matteo Giupponi, Irene Siragusa, Leonardo Fabbri, Daniele Meucci, Pietro Riva, Zyniab Dosso, i gemelli Lorenzo e Samuele Dini, Simone Cairoli. Presenti anche svariate personalità del mondo istituzionale.

da Ufficio stampa

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *