Brevi...di corsa

Presentata la 34a Huawei Venicemarathon

Domenica saranno al via 13.000 runners, con 3.000 stranieri provenienti da 57 nazioni. Iscrizioni sold out per la VM10KM. L'edizione numero 34 sarà una "maratona per l'ambiente" Yohannes Chiappinelli al via nella VM10KM Giusy Versace e Alex Zanardi sabato 26 ottobe all'Exposport per la solidarietà.

Il 34esimo compleanno della Huawei Venicemarathon verrà festeggiato da oltre 13.000 runners che daranno vita alla grande festa della Maratona di Venezia e della sua 10K, che domenica mattina formeranno un lunghissimo serpentone colorato che unirà, idealmente in un abbraccio, la Riviera del Brenta, Mestre e Venezia fino a Riva Sette Martiri, traguardo unico per le due corse. Due dati molto interessanti sono il numero delle donne iscritte, circa 5.000 (40%) e i 3.000 stranieri provenienti da 57 nazioni.

La maratona prenderà il via alle 9.30 mentre la 10K partirà alle 8.30. La gara sarà teletrasmessa in diretta internazionale, con una copertura che raggiungerà oltre 80 paesi. In Italia andrà in onda in diretta su Raisport, visibile sul digitale terrestre (canale 57), sul satellite (canale 227), con collegamento a partire dalle ore 9.20 e in streaming, sempre dalle ore 9.20, sui siti www.raisport.rai.it e www.huaweivenicemarathon.it. Quest’anno la produzione sarà a cura di PMG Sport, official broadcaster dell’evento, che garantirà una distribuzione più capillare delle immagini, coinvolgendo anche una serie di piattaforme web.

Si sta delineando il cast degli atleti più forti che domenica si daranno battaglia della 34^ Huawei Venicemarathon. In campo maschile, il favorito sulla carta è il keniano Andrew Ben Kimtai, classe 1989, che vanta un personale di 2h08’32” realizzato alla Maratona di Siviglia nel 2018 e che quest’anno ha già vinto la maratona di Wuhan in Cina. Oltre a lui, da segnalare anche l’altro keniano Yegon Geofrey, secondo alla Roma-Ostia 2019 e atleta capace di correre per ben 4 volte la mezza maratona sotto l’ora. E poi ancora Moses Mengich secondo alla maratona di Treviso quest’anno, Henry Kiprop e Daniel Gatheru. Per l’Etiopia, invece, i migliori iscritti sono Habtamu Asefa e Tsegaye Hiluf, mentre in chiave azzurra torna a Venezia Ahmed Nasef, campione italiano di maratona a Verbania nel 2016.

Tra le donne, da evidenziare la keniana Cynthia Cherop, che ha come miglior crono il tempo di 2h25’55″ ottenuto lo scorso marzo alla maratona di Los Angeles, tempo però non omologato. Due mesi dopo, a maggio quindi, la Cherop ha corso la mezza maratona di Goteborg in 1h08’26”, gara nella quale è arrivata seconda. Assieme a lei, saranno al via le connazionali Judith Korir, vincitrice della maratona di Belgrado dello scorso 14 aprile, e Jackline Atudonyang al debutto. Ritorna quest’anno anche la keniana Brendah Kebeya, quarta lo scorso anno a Venezia e fresca del personale sulla distanza (2h34’29”) ottenuto ad Hannover. Completano il cast l’etiope Meka Wake, che quest’anno ha corso in 2h32’01”, suo personal best, e l’ultramaratoneta croata Nikolina Sustic, campionessa del mondo 2018 della 100K su strada, vincitrice per il quinto anno consecutivo della 100 km del Passatore e che quest’anno ha saputo correre la maratona in 2h37’55”. Per l’Italia, torna per la settima volta a Venezia la vicentina Maurizia Cunico.

Nella VM10KM, occhi puntati su Yohannes Chiappinelli, l’atleta senese di origine etiope e portacolori del Gruppo Sportivo Carabinieri, bronzo agli Europei di Berlino nel 2018 sui 3000 siepi. In campo femminile, le maratonete Sara Dossena e Valeria Straneo saranno, anche loro, al via della gara in qualità di “brand ambassador” dell’azienda Ventura, marca leader nel mercato della frutta secca ed essiccata. Correranno la 10km al fianco dei vincitori del contest promosso da Ventura “Vinci una giornata con loro!”.

La gara è stata presentata questa mattina nell’auditorium di M9, il distretto del nuovo Museo multimediale del ‘900 di Mestre. Moltissime le autorità intervenute. Tra queste: Luciana Colle – Vicesindaco Comune Venezia, Paola Mar Assessore Comune di Venezia, Alberto Polo – sindaco Dolo, Andrea Martellato – Sindaco Fiesso, Fabio Zaccarin – Assessore comune di Mira, Mario Ferraresso – Vicesindaco di Stra, Federica Bosello – Autorità Portuale e poi ancora Franco Bardelle – Coni Veneto, Christian Zovico – Fidal Veneto e Massimo Ballotta – Governatore Rotary. Ad illustrare i dettagli della manifestazione, il presidente di Venicemarathon Piero Rosa Salva, assieme al vice presidente Stefano Fornasier, al General Manager Lorenzo Cortesi, il “Past President” Enrico Jacomini e i consiglieri Alberto Soggiu e Claudio Borghello. A dare il benvenuto è stato il padrone di casa, Stefano Antonio Sernia, segretario generale di “Fondazione di Venezia” e amministratore delegato “M9 District”.

Sempre molto emozionato il presidente Piero Rosa Salva: “Questo è il momento in cui noi organizzatori, dopo mesi di preparativi, passiamo il testimone ai veri protagonisti, ovvero ai moltissimi maratoneti e appassionati che domenica daranno vita alla 34^ Huawei Venicemarathon. La nostra manifestazione è il momento clou di un grandissimo lavoro di squadra, portato avanti nei mesi, assieme a tutte le istituzioni del territorio, alle moltissime aziende che sono al nostro fianco e che sarà reso possibile grazie agli oltre 2000 volontari che saranno schierati domenica e a tutte le forze dell’ordine coinvolte”.

Sono stati poi illustrati i vari aspetti dei numerosi progetti che rendono grande questa 34^ Huawei Venicemarathon.

Maratona per l’Ambiente
La 34^ Huawei Venicemarathon sarà, quest’anno, una “maratona per l’ambiente”, con diverse azioni ben precise che gli organizzatori stanno implementando e rivolte alla riduzione dei rifiuti, alla valorizzazione del riciclo di tutta la plastica e dei suoi imballaggi per dar vita a prodotti che verranno utilizzati nell’edizione 2020 grazie alla partnership con Corepla (consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica), alla digitalizzazione dei processi, all’abbattimento delle barriere architettoniche e la diminuzione di C02 tramite l’incentivo ad usare il trasporto pubblico, grazie ad un importante accordo con Trenitalia. Un protocollo d’intesa tra tutte le parti verrà sottoscritto a breve. Tutte queste azioni, al termine della manifestazione, produrranno dati che verranno inseriti in una piattaforma digitale che ne determinerà la percentuale finale di sostenibilità dell’evento.Tutto questo nell’ambito del progetto di tutela ambientale e del territorio “Zero Waste Blue sport events for territorial development” finanziato nell’ambito del Programma Italia Croazia e promosso dalla Regione Veneto. Il primo test effettuato lo scorso anno con la 33^ Huawei Venicemarathon ha generato i seguenti risultati: Sostenibilità Totale del 81,13%; Sostenibilità Ambientale (82,95%); Sostenibilità Socio-Culturale (82,09%); Sostenibilità Economica (74,33%).

Le prime azioni messe in atto nell’ambito del progetto Zero Waste Blue, riguardanti l’abbattimento delle barriere architettoniche, sono la posa di una rampa permanente a Villa Pisani Museo Nazionale, sede di partenza della maratona, che migliorerà l’accesso e la fruizione di questo bene architettonico di straordinaria bellezza alle persone con difficoltà motoria. La Villa, com’è ormai consuetudine, accoglierà tutti gli atleti nei suoi giardini per le attività di warm-up e pre-partenza. Gli atleti, infatti, varcheranno i cancelli di uscita solo per entrare nelle griglie di partenza.

Il percorso
Confermato lo splendido percorso che da Stra giunge a Riva Sette Martiri e confermato anche il passaggio attraverso M9, il distretto del nuovo Museo multimediale del ‘900 di Mestre. Tra le novità: per la prima volta quest’anno gli atleti correranno in Venezia su nuove passerelle, in linea con il decoro della città, studiate su misura e posizionate dal Comune di Venezia. Questo rappresenta un risultato tangibile e non provvisorio di un percorso e di una sensibilità verso il problema dell’accessibilità che gli organizzatori della Maratona di Venezia è cominciato con la prima edizione del 1986. Quest’anno, inoltre, come ha spiegato Federica Bosello dell’Autorità Portuale, gli atleti transiteranno in sicurezza sulla passerella provvisoria che collega l’area di San Basilio alle Zattere grazie ad un intervento tempestivo dell’Autorità Portuale. Il ponte, infatti, è chiuso dallo scorso luglio perchè non più agibile.

Curiosità
Torna a Venezia il maratoneta scalzo Francesco Arone, questa volta per festeggiare la sua “50esima” maratona di carriera. Leo Di Angilla, il percussionista e batterista veneziano che attualmente lavora con Jovanotti e Marco Mengoni, torna a correre la Maratona di Venezia per la terza volta. Questa volta però la Huawei Venicemarathon sarà anche l’ultimo capitolo del libro che sta scrivendo “Ritmo per correre” nel quale spiega come riesce a conciliare la complicata vita da musicista, molto spesso in giro per il mondo in tournée, ad una grande passione come la corsa. Per Don Marco, sacerdote della Diocesi di Verona, la Venicemarathon sarà la sua decima maratona di carriera, mentre a Venezia torna per la quarta volta.

Una t-shirt performante
La presentazione è stata anche l’occasione per mostrare la t-shirt UYN che tutti i maratoneti riceveranno nel pacco gara. Si tratta di una maglia ad alto contenuto tecnico ed elevata tecnologia, che si adatta perfettamente all’anatomia dell’uomo e della donna (versione maschile e femminile) e che darà risultati eccellenti in termini di traspirazione e termoregolazione.

La Messa del Maratoneta
Sabato 26 ottobre alle ore 17.30 sarà celebrata la Messa del Maratoneta nella chiesa di San Zulian (Calle Specchieri San Marco, vicino alla Basilica e alla splendida Piazza), promossa da Athletica Vaticana, la rappresentativa sportiva della Santa Sede. Al termine della Messa verrà impartita la benedizione degli sportivi e sarà recitata anche la “Preghiera del maratoneta”, tradotta in 37 lingue tra cui arabo e cinese ma anche etiope e swahili. La messa di Venezia sarà l’apertura delle celebrazioni che precederanno poi le maratone a New York, Valencia, Firenze, Vienna e Roma.

Il Charity Program
Corre fortissimo anche la maratona solidale del Venicemarathon Charity Program. Ad oggi sono già stati raccolti quasi 60 mila euro dalle 20 onlus aderenti all’iniziativa. Volti e anima di quest’edizione sono i campioni paralimpici Giusy Versace e Alex Zanardi, entrambi impegnati a raccogliere fondi per le loro onlus “Disabili No Limits” e “Obiettivo 3”. Alex e Giusy saranno disponibili per autografi e per incontrare il pubblico sabato 26 ottobre all’Exposport Venicemarathon Village.

La medaglia disegnata da una runner
Per la prima volta la medaglia che verrà consegnata a tutti i finishers è stata decisa dagli atleti attraverso un contest su Facebook dal nome “Quest’anno la medaglia della 34^ Huawei Venicemarathon la create e la decidete voi”, vinto da Eleonora De Luca, un interior designer di Treppo Grande (Ud) con la passione per la corsa (anche lei in gara domenica) che ha riprodotto una mappa di Venezia costellata di canali da cui emerge il Canal Grande, il Ponte di Rialto, il ferro di gondola e le sagome di atleti che corrono. Sul retro, il Leone di San Marco che sancisce il tempo di ogni atleta. In questo spazio, si potrà incidere il proprio nome e addirittura il tempo finale. Le medaglie sono realizzate dalla ditta Dal Mas.

Abbott World Marathon Majors Wanda Age Group World Ranking
La Maratona di Venezia è entrata a far parte del prestigioso circuito a punti Abbott World Marathon Majors Wanda Age Group World Ranking. L’edizione 2019 della Huawei Venicemarathon sarà uno degli oltre 100 eventi di qualificazione al campionato mondiale Abbot Wanda Age Group che si terrà nel 2021, in sede ancora da definire. Il periodo di qualificazione avrà inizio con la Maratona di Chicago 2019 del prossimo 13 ottobre e terminerà sempre a Chicago nel 2020 (11 ottobre). Tutti gli atleti, a partire dalla categoria dei 40 anni in su, potranno così guadagnare preziosi punti di qualificazione anche a Venezia.

29^ Exposport Venicemarathon Village
Da venerdì 26 ottobre, invece, si entra ufficialmente nel vivo con l’apertura del 29^ Exposport Venicemarathon Village, con inaugurazione alle ore 11. Due aree eventi e due palchi (uno esterno e uno interno) garantiranno un flusso continuo e ininterrotto di attività e presentazione.

La festa del territorio, delle scuole e delle famiglie con le Alì Family Run
Nel frattempo, il territorio veneziano è già entrato nel clima di festa con le Alì Family Run, le corse non competitive dedicate a studenti e famiglie, scelte quest’anno dal Rotary Distretto 2060 come veicolo promozionale della lotta globale contro la Poliomielite che il Rotary International porta avanti da oltre 30 anni. Tutti gli iscritti nelle diverse tappe hanno indossato e indosseranno t-shirt rosse con il logo “EndPolioNow”. Le precedenti tappe si sono svolte: sabato 5 ottobre (3.500 partecipanti, record), seguita da quella di San Donà di Piave che si è tenuta sabato 12 ottobre (3.000 partecipanti) e da quella di Dolo – Riviera del Brenta (5.300 partecipanti) che si è corsa sabato 19 ottobre. Sabato 26 ottobre è in programma l’Alì Family Run del Parco San Giuliano di Mestre. E’ possibile iscriversi online fino a venerdì 25 e in loco la mattina stessa. Il dopo gara sarà arricchito da una serie di interessanti dimostrazioni da parte dei Vigili del Fuoco e del gruppo BLS-Rianimatori in corsa.

La 34^ Huawei Venicemarathn aderisce al progetto #EnjoyRespectVenezia, sensibilizzando i concorrenti ad adottare comportamenti responsabili e rispettosi dell’ambiente, del paesaggio, delle bellezze artistiche e dell’identità di Venezia e dei suoi abitanti.

La 34^ Huawei Venicemarathon è organizzata da Venicemarathon e realizzata grazie all’imprescindibile supporto dei Comuni di Venezia, Stra, Fiesso d’Artico, Dolo e Mira. Fondamentale inoltre, anche quest’anno, il contributo della Regione Veneto, della Città Metropolitana di Venezia, della Prefettura, della Questura, del CONI, FIDAL, CIP e AIMS, della Camera di Commercio Venezia Rovigo Delta Lagunare, dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, dei Vigili del Fuoco, della Polizia di Stato, Stradale, delle Telecomunicazioni, e di Frontiera, dei Carabinieri, delle Polizie Municipali, della Protezione Civile del territorio, dell’Istituzione Bosco e Grandi Parchi di Mestre e di tutte le altre Istituzioni e Forze dell’Ordine che da sempre contribuiscono in maniera determinante alla riuscita dell’evento.

Sono sponsor della 34^ Huawei Venicemarathon: Huawei (title sponsor), Sara Assicurazioni (main sponsor), UYN (technical sponsor), Karhu (official shoes). Official Sponsor: BMW, ProAction, Ventura, Acqua San Benedetto, Air France, Rio Mare, Alì, Banco BPM, Nuncas, Bavaria, Dorelan. Partner & Licensee: M9, Corepla, Porto di Venezia, Apv Investimenti, Insula, RaceOne, Pica, 1/6 H Sport Officia Shop, Official Supplier: Trenitalia, Zuegg, Palmisano, Melinda, Méthode, Castellano, Interparking, NH Hotels, Veritas, Vènezia Unica, Actv, Iredeem, Coldiretti, Santa Eurosia, Bertoncello, Cristiano Brussa trasporti group Venezia, Alilaguna, Videa, VTP; Venezia Turismo, Barbini Specchi Veneziani, MuranoGlass. Media Partner: Official Broadcaster PMG Sport, Official Tv: RaiSport; Official Newspaper: Il Gazzettino, Official Radio: RDS 100% Grandi Successi.

Foto di Matteo Bertolin

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *