Brevi...di corsa

Telesia half marathon: dominio keniano, vincono Mwangi la Moseti

Tre record hanno caratterizzato la 5a Telesia Half Marathon, i due nuovi record del percorso sia maschile che femminile, più quello dei classificati con 2327. Terzo posto per la Straneo

Un triplo record ha caratterizzato la 5^TELESIA HALF MARATHON di Telese Terme (Bn), per una grande festa del podismo che ha accolto nel territorio telesino circa 3700 partecipanti, di cui 2700 nella Mezza Maratona e quasi un migliaio (un vero successo) per la 3^ edizione della PINK RACE la corsa in rosa per la ricerca dei tumori al seno.

Tre record abbiamo titolato, con il primo arrivato da una stupenda gara maschile vinta dal keniano Joel Maina Mwangi dopo una spettacolare volata sul connazionale Solomon Koech, quest’ultimo in testa alla gara sin dall’avvio e superato solo negli ultimi 30-40 metri, ma entrambi accreditati dello stesso tempo di 1.01’58” nuovo record, che migliora il precedente di 10 secondi (1.02’08” di Rodgers Maiyo nel 2017). Un record per il quale va dato molto merito a Koech difatti il suo ritmo ha messo in difficoltà Paul Tiongik che aveva da poche settimane portato il suo personale a 1.01’17”. Da segnalare che anche in questo caso sia pur arrivando secondo Solomon Koech è sotto l’egida dello stesso manager di Maiyo ovvero Claudio Arduini di Verona.

Il secondo record è arrivato con il successo della keniana Winfridah Moraa Moseti che ha migliorato il suo stesso primato ottenuto nel 2017 di 1.11’24” portandolo a 1.10’52”, volendo essere pignoli ma ancora una volta per ribadire che i primati sono quelli come prescrivono i regolamenti Fidal e Iaaf ottenuti allo sparo e non i Real Time, come erroneamente riportato nel manifesto dell’evento che dava 1.11’22” alla Moseti.

Tornando alla gara maschile dopo i primi tre Mwangi, Koech e Tiongik, un vuoto di 4 minuti poi l’arrivo di Simon Kipngetich (Uga), a seguire l’ottimo prova del magrebino Ismail Adim (Caivano Runners) poi sesto assoluto il rientrante Domenico Ricatti primo degli italiani e poi settima assoluta la Moseti, poi ancora due donne: Sofiya Yaremchuk (Ukr) e una sempre positiva Valeria Straneo, che precedano un ottimo Massimiliano Fiorillo che possiamo definire il primo italiano della regione Campania.

La chiusura degli arrivi con il botto finale di ben 2327 classificati nuovo record che migliora i 2289 del 2017, risultato notevole visto che gli iscritti nel 2018 erano stati un centinaio in più.

Ordine d’arrivo Uomini: 1° Mwangi (Ken) 1.01’58”, 2° Koech (Ken) 1.01’58”, 3° Tiongik (Ken) 1.02’57”, 4° Kipngetich (Uga) 1.07’04”, 5° Adim (Mar) 1.08’01”, 6° Ricatti 1.10’31”, 7° Fiorillo 1.13’42”, 8° Tescione 1.14’34”, 9° Signorelli 1.15’39”, 10° Meoli 1.16’27”, Donne: 1^ Moseti (Ken) 1.10’52”, 2^ Yaremchuk (Ukr) 1.12’08”, 3^ Straneo 1.12’42”, 4^ Munguleya (Uga) 1.14’06”, 5^ Jerotich (Ken) 1.15’19”, 6^ Brogiato 1.15’29”, 7^ Lagat (Ken) 1.16’50”, 8^ Carnicelli 1.18”48, 9^ Ferritti 1.24’45”, 10^ Razzano 1.26’44”.

da comunicato stampa

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Close