Pista, strada & trail

Anna Incerti vince la Maratonina Transfrontaliera di Gorizia

All'undicesimo chilometro il passaggio in Slovenia, prima di ritornare al 17° in territorio italiano. La Incerti ha costruito la sua vittoria in salita

Ancora una volta la Maratonina Transfrontaliera di Gorizia non ha tradito le attese, confermando come la prova giuliana sia una delle più qualitativamente importanti dell’intero panorama nazionale. La manifestazione sui 21,097 km, inserita nel calendario nazionale Fidal, era incentrata sul ritorno alla distanza dell’ex campionessa europea Anna Incerti e la bagherese delle Fiamme Azzurre,allenata da Tommaso, Ticali ha dimostrato una volta di più tutta la sua sapienza nell’interpretazione della distanza, aggiudicandosi la gara in 1h13’23” che rappresenta la sesta prestazione italiana dell’anno. Quel che colpisce di più nella prova dell’azzurra è il distacco inflitto alle rivali etiopi, a cominciare da Addisalem Tegegn (Atl.Brugnera Friulintagli): 2’19” a un’atleta che in agosto a Buenos Aires aveva sfiorato la barriera dell’ora e 10 minuti. Terza a 5’10” l’altra etiope Gedamnesh Yayeh che ha difeso per soli 10” il podio dalla pugliese da anni trapiantata nel Nord-Est Teresa Montrone (Atl.Locorotondo).

Parata di atleti kenyani come da pronostico nella gara maschile, dove il team austriaco Run2gether, spesso presente nelle gare italiane, ha fatto doppietta con Charles Kamau primo in 1h02’34” davanti a Kipkorir Birir (1h02’44”) e a Sammy Kipngetich (Atl.Saluzzo, 1h03’53”) stoppato nella sua ambizione di conquistare la sua quinta mezza maratona italiana della stagione. Primo italiano Steve Bibalo (Sportiamo Trieste) che ha chiuso sesto in 1h11’34”.

Una giornata di sport e di festa che ha restituito il sorriso a una comunità ancora scossa dalla tragedia dell’uccisione dei due carabinieri nella vicina Trieste. Un successo al quale ha contribuito con tutti i suoi effettivi il Gruppo Marciatori Gorizia, che ha curato l’organizzazione dell’evento, popolato da oltre 400 podisti molti dei quali provenienti da oltre i confini regionali. Sul percorso sono stati dislocati oltre 120 volontari, parte nella porzione italiana della gara e parte in quella slovena. L’evento ha trovato anche quest’anno pieno supporto nel Comune di Gorizia e nella Regione Friuli Venezia Giulia, nell’Unione Ginnastica Goriziana e nello Sportno Dristvo Mark di Sempeter (SLO) che hanno collaborato alla sua organizzazione, nella Protezione Civile di Gorizia, Associazione Carabinieri, Associazione C.O.T.A., Gruppo ANA di Gorizia, Avis di Gorizia, Ass.Nazionale Finanzieri, Motoclub Pino Medeot e tutti gli sponsor, un lavoro di concerto che prolunga la storia di un evento di grandissimo spessore.

da contenuto esterno

foto organizzatori

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *