Pista, strada & trail

Alla Maratona Internazionale di Berlino bella prova dell’agrigentina Edna Caponnetto

Alla sua quarta esperienza su questa distanza, la seconda a livello internazionale, la fondista agrigentina si è dunque difesa bene, a dispetto dei numerosi problemi fisici patiti negli ultimi mes

Nell’edizione 2019 della Maratona Internazionale di Berlino, caratterizzata da un’imponente partecipazione di atleti provenienti da tutto il pianeta (oltre 40 mila all’arrivo) e dal “quasi record” del fuoriclasse e pluricampione olimpico etiope Kenenisa Bekele, prestazione onorevole anche per la forte atleta master agrigentina Edna Caponnetto (GS Valle dei Templi), che ha chiuso i canonici 42,195 km in 3h17’44”.

Alla sua quarta esperienza su questa distanza, la seconda a livello internazionale, la fondista agrigentina si è dunque difesa bene, a dispetto dei numerosi problemi fisici patiti negli ultimi mesi, non ultimo un crollo dei valori ematici e un paio di rovinose cadute in allenamento che l’hanno costretta a interrompere la preparazione e ridimensionare gli obiettivi, consigliandole prudenza. Lontano dal suo record personale di 3h06’44” stabilito lo scorso anno a Milano e dalla stessa bella ma sfortunata prova di Rotterdam, la Caponnetto ha comunque corso con la consueta regolarità, rallentando solo negli ultimi due chilometri per un riacutizzarsi del dolore al ginocchio e per la pioggia battente che dal 28° km in poi non ha dato scampo agli atleti che hanno chiuso la gara oltre le 3 ore. A Berlino, per la cronaca, su oltre 40 mila finisseurs, per lei anche il diciassettesimo posto assoluto nella ideale graduatoria delle numerose atlete italiane in gara (senior e master) e il quinto di categoria W45, sempre con riferimento alla italian start list (prima assoluta la senior Lavarone con 2h44’29”). Per Edna si chiude qui la stagione, caratterizzata da poche ma significative apparizioni agonistiche (come la netta vittoria assoluta alla Mezza maratona della Concordia di Agrigento e la prestazione alla Maratona di Rotterdam) e, purtroppo, anche da qualche problema fisico di troppo.

da comunicato stampa

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *