News

Alessio Terrasi matador a Valencia: ” e adesso non ci fermiamo più”…

Un esordio in maratona roboante, che forse nessuno si aspettava, se non le persone che in questi anni gli sono state sempre accanto e chi da poco tempo lo ha ripreso per mano, allenandolo e ridandogli il sorriso, malgrado sudore e sacrificio. Lui però, Alessio Terrasi ventisettenne da Altofonte, ci credeva, ci ha sempre creduto, ed ecco che alla sua prima maratona, a Valencia il 19 novembre corso, ha sfoderato un esaltante 2h19’47 (25° assoluto e primo degli italiani) nona prestazione in maratona fatte registrare quest’anno in Italia, dietro atleti come Carmine Buccilli e davanti al pari età Manuel Cominotto. Gloria anche nella speciale classifica dei migliori siciliani di sempre in maratona (cortesia M. Granata) che lo vede inserirsi al 26° posto davanti al compianto Luigi Zarcone.  

Consapevolezza e nuova energia, le doti portate dall’ottima prestazione in terra di Spagna che Terrasi saprà adesso fare sue, per continuare a sorprendere ma non a sorprendersi, perché lui sa di cosa può ancora essere capace e guarda avanti. In questa intervista, auspica miglioramenti, ritiene determinante il cambio di tecnico e plaude gli amici di sempre e i nuovi compagni di squadra, determinanti nel suo nuovo corso. E’ un nuovo Terrasi, ma forse è sempre lo stesso, più maturo e più determinato, pronto a stupirci ancora…e a tirare fuori i sogni dal suo cassetto.

 

  • Un esordio in maratona da favola…te l’eri immaginato così…?

Ho sempre sognato, sin da quando ero piccolo, di correre una lunga distanza come la maratona…dopo anni di allenamenti e tanti sacrifici, ero consapevole di poterla correre e di potere fare una buona prestaziopne…visto il crono finale, come inizio non c’è male.

 

  • Un crono importante. Quest’anno tra i primi 10 fatti registrare in Italia…e tra i primi 30 siciliani di sempre (un tuo commento)

Come esordio in questa distanza, riuscire a realizzare un crono di tutto rispetto (2h19’47 n.d.r.) e di ritrovarsi in classifica accannto ai top runner italiani, mi da infinite motivazioni che serviranno, tra l’altro, a cercare di migliorare il mio tempo, già dai prossimi appuntamenti.

 

  • Come è cambiata nell’ultimo anno la “vita sportiva” di Alessio Terrasi

Bella domanda questa…non sto qui a giudicare il mio recente passato sportivo, ma negli ultimi anno ho trovato degli amici e un tecnico (il professore Tommaso Ticali n.d.r.) che mi hanno fatto riscoprire quantop sia bella l’atletiuca leggera; anche grazie e soprattutto a loro ho ritrovato la mia serenità e la voglia di fare sempre meglio.

 

  • Sacrificio, rinunce e tanto lavoro stanno sempre dietro un gran risultato…a cosa (se ce n’è una) hai dovuto rinunciare in questi anni…

Tanti sacrifici e tante rinuce…conciliare allenamenti e lavoro non è cosa semplice.  E a questo proposito un altro dei miei obiettivi è proprio quello di trovare un lavoro che riesca a darmi sostentamento e allo stesso tempo la possibilità di riuscire a svolgere gli allenamenti con più serenità.  Credo che tutto ciò mi aiuterebbe a migliorare ulteriormente le mie prestazioni.

 

  • I programmi per il 2018…

Obiettivo principale continuare a gareggiare con la mia società (Parco Alpi Apuane n.d.r.) e preparare la mia seconda maratona con l’obiettivo di migliorare il mio personale ottenuto a Velencia…e poi magari indossare anche un maglia azzurra…perché no…?

(ma)

foto copertina Pasquale Ponente

foto articolo archivio siciliarunning

 

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *