EYOF: in Ungheria Carmelo Cannizzaro sfiora il podio


Agli European Youth Olympic Festival, disputati a Gyor (Ungheria), gli azzurri chiudono con 1 oro, 2 argenti e 5 bronzi, per eguagliare il record di medaglie. Quarto nei 2000 siepi, l’atleta di Modica Carmelo Cannizzaro con il tempo di 6’08.  

 
“C’è un po’ di rammarico – afferma il tecnico Pisana –  perché a pochi secondi c’era il podio ma è anche vero che Carmelo è giovane ed è alla sua prima esperienza internazionale”.
 
“E’ stata una bella esperienza sia a livello sportivo e non, ho conosciuto tante belle persone – commenta Cannizzaro.  Prima della gara ero molto in tensione ma concentrato, sono stato con la testa della corsa per tutto la gara ma al suono della campana ho sfiorato la siepe con il ginocchio proprio quando partiva l’azione decisiva e ho perso l’attimo, il podio era alla mia portata. Una bellissima esperienza – continua Carmelo – per la quale mi sento di ringraziare tutte quelle  persone che mi sostengono e mi permettono di svolgere al meglio questa passione; il mio allenatore Salvo Pisana che crede in me, Simone Macauda che mi aiuta negli allenamenti, Giuseppe Gerratana che oltre a stimolarmi è un punto di riferimento fondamentale, lo staff che mi assiste con Lorenzo Cannata e Giuseppe Fatuzzo (lo stesso che supporta Gerratana n.d.r.), e ancora lo lo sponsor Giorgio Adamo di Adamoauto (ex mezzofondista modicano di valore), la mia famiglia e il presidente della Running Modica Emanuele Assenza.Spero negli anni – ha concluso Cannizzaro –  di ripagare tutte queste persone con risultati prestigiosi”:

La cronaca dei 2000 sipei dal sito Fida. Gara coraggiosa per Carmelo Cannizzaro sui 2000 siepi: quando il finlandese Eemil Helander la mette giù dura è proprio il ragazzo di Modica, seguito da Salvo Pisana nel gruppo di Giuseppe Gerratana, che si muove per ricucire lo strappo. Poi è il portoghese Etson Mendes Barros – unico alla partenza con un PB sotto i sei minuti – a prendere l’iniziativa con il francese Axel Fournival e il solito Helander: a quel punto l’azzurro perde qualche metro e non è più in grado di recuperare, quarto (6:08.34), mentre il terzetto di battistrada finisce nell’ordine (oro Barros, 5:58.24).

I PIAZZAMENTI DEGLI AZZURRI
ORO (1): Diletta Fortuna (disco)
ARGENTO (2): Giuseppe Filpi (110hs), Carmelo Musci (peso)
BRONZO (5): Enrico Sancin (100m), Ivan De Angelis (asta), Assia El Maazi (2000st), Carmelo Musci (disco), Davide Favro (triplo)
QUARTO (1): Carmelo Cannizzaro (2000st)
QUINTO (3): Sara Zuccaro (martello), Francesco Guerra (3000m), Rebecca Pavan (alto)
SESTO (3): Veronica Crida (lungo), Noemi Cavalleri (200m), Michele Bertoldo (400hs)
SETTIMO (1): Sophia Favalli (1500m)
OTTAVO (1): Federica Botter (giavellotto)
FINALISTI NP (2): Lorenzo Benati (200m), Emma Silvestri (400hs)