5 X 100 = felice come una bimba al suo ultimo giorno di scuola


5 volte Passatore, cinque edizioni da raccontare, da vivere e rivivere nel tempo. La lunga preparazione, la sofferenza, le rinunce, l’amore per la corsa, per la vita, perché la corsa è soprattutto vita. C’è la Elena Cifali più matura, più riflessiva, più bella (nel suo solare sorriso) in questo racconto del “suo”” ultimo Passatore, che le ha regalato l’ennesima gioia, quella di essere la prima donna siciliana ad aver completato per 5 volte quei 100 chilometri che da Firenze portano a Faenza, ore di corsa che non finiscono mai perché ti restano dentro per tutta la vita…buona lettura.

 

” Ho lavorato tanto durante questi ultimi mesi per preparare la 100 km del Passatore, non mi sono risparmiata neppure un giorno, fatica dopo fatica ho cucito su me stessa gli allenamenti, le uscite di corsa e quelle di cammino, le gare corte e veloci e le maratone. Durante gli ultimi cinque anni sono andata avanti sempre a testa alta sognando di conquistare Faenza per cinque volte consecutive perché io il piatto di riconoscimento lo volevo. Lo desideravo così ardentemente da sognare il momento in cui mi fosse stato consegnato. Correndo ho imparato a vivere, a restare sveglia, ho imparato che la vita è oltre la soglia della sofferenza. La corsa dà molto e chiede tanto, soprattutto nelle ultra distanze è un amante esigente che non perdona, che richiede tutte le attenzioni, che alza l’umore e spezza le catene.

Sono una testa dura e non ho mai dato retta a nessuno, ho sempre preparato le gare basandomi sul mio istinto, sui miei desideri, ascoltando il mio corpo, studiandomi moltissimo e soprattutto facendo attenzione a non esagerare mai. C’è molta presunzione in queste ultime parole ma non mi sono mai affidata ad un allenatore perché ritengo che solo io conosco la mia condizione fisica la mattina quando mi alzo dal letto.

C’è solo una persona alla quale dò retta quando mi suggerisce qualche atteggiamento o qualche allenamento, il mio amico Ennio, lo considero il mio grillo parlante seppure spessissimo faccio tribolare anche lui.”

XXX

” Sabato notte ho portato a casa una conquista, ho raggiunto il gradino più alto, ho scalato la montagna più ripida, ho vissuto dentro un sogno lunghissimo anche se ogni tanto percepivo i brividi dell’incubo.

Il sole alto della partenza, il caldo soffocante, la poca acqua a disposizione, il dolce e poi il salato dei ristori, la compagnia di Eleonora, le confidenze, le risate, il sudore che brucia gli occhi e poi la notte, il buio, il distacco da Eleonora, un bacio sulla guancia, la solitudine, le gambe che girano, la leggerezza, la testa c’è e l’umore è alle stelle.

Corro, corro, corro sempre a perdifiato verso Faenza che mi accoglie festante, che mi avvolge nel caloroso abbraccio dei volontari e del pubblico, guardo in alto il tabellone con il tempo e spicco un salto nel vano tentativo di toccarlo. Ecco, forse questa è la vera felicità, è una finestra sul Paradiso, è il cuore che scoppia e i singhiozzi rimandati al mittente. La felicità è lo stomaco contratto e i muscoli indolenziti, sono i piedi gonfi e i capelli appiccicati di sudore, la felicità è credere in ciò che sogni e scommettere su te stessa per un tempo tanto lungo da sembrare infinito.

Cinque anni di Passatore, cinque anni di allenamenti, ci ho creduto per cinque lunghissimi anni !

Ho avuto accanto a me moltissime persone che mi amano e mi stimano senza le quali nulla sarebbe stato così bello. Devo tanto a tanti, alla mia famiglia e agli amici ma anche a coloro che giorno dopo giorno mi supportano e mi aiutano negli allenamenti non lasciandomi mai sola.

Sono fiera di me, adesso ho la consapevolezza e la certezza che chiunque possa alzarsi dal divano e diventare campione per se stesso e per la propria salute. Oggi, difronte alle difficoltà delle vita mi dico sempre che dopo ciò che ho fatto sono capace di superare ogni avversità, anche questo è corsa.

Il riconoscimento che ho avuto non è un arrivo ma la partenza per nuove avventure, per nuove emozioni che inevitabilmente porteranno con se nuova fatica e indiscussa felicità …”

Elena Cifali

Foto FB

In numeri i 5 Passatore di Elena Cifali

anno –  tempo
2017 – 13:10:47
2016 – 13:54:20
2015 – 13:51:20
2014 – 12:55:52
2013 – 13:50:20

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *