Enzo Tindona pronto per la Milano-Sanremo…di corsa


Sarà la Milano – Sanremo lo scenario del nuovo capolavoro che sta per mettere in atto il super atleta Enzo Tidona, vittoriese, tesserato con la Asd no al Doping di Ragusa Ibla, una mega sfida con altri 70 partecipanti che si cimenteranno il 29 aprile prossimo sulla classica Milano-Sanremo non con le biciclette ma di corsa, appunto una distanza che fa rabbrividire km 285 con un tempo limite di 48 ore, di corsa tutto di un fiato senza pause o interruzioni , con 7  cancelli   che se si arriva in ritardo trovi chiuso e quindi squalificato,600 mt di dislivello negativo.

Non nuovo a questo genere di competizioni o “sfide” già al suo bottino Tidona ha una super maratona di 100km appunto quella del Passatore, un’ altra competizione Super la Nove Colli di km 202,  e ora cerca di raggiungere una meta che al solo pensare, sembra impossibile, ma siamo tutti certi che taglierà il traguardo nel mitico lungomare di San Remo.

da comunicato

Un po’ di curiosità sulla corsa podistica Milano – Sanremo

Il percorso della Ultra Maratona Milano Sanremo può essere coperto in due modalità: single stage, vale a dire in solitaria, ogni atleta percorre per intero i 285 km. Oppure in relay mode, staffetta, con passaggio del testimone tra 5 partecipanti in corrispondenza dei “cancelli” lungo il percorso di gara. In entrambe le versioni il tempo massimo per concludere la prova con la piena assistenza dell’organizzazione è di 48 ore. I partecipanti dovranno arrivare a Sanremo entro le ore 10:00 di lunedì 1° Maggio 2017. Tra atleti che copriranno il percorso in solitaria e in staffetta quest’anno si contano circa 100 partecipanti provenienti dall’Italia e da altre 11 nazioni.

La partenza della gara è per il prossimo 29 aprile da Milano città, appuntamento alle 10.00 alla Darsena di Porta Ticinese, alla presenza del Sindaco di Milano Giuseppe Sala. Il percorso poi attraverserà la pianura padana, 3 Regioni italiane e 54 comuni, correndo tra risaie, innumerevoli centri storici – tra cui Pavia e Tortona –  dove inizierà a risalire l’appennino ad Ovada e Masone, scollinando il Passo del Turchino e sbucando infine lungo la costa all’altezza di Voltri e da lì lungo la riviera fino a destinazione. Dalla partenza il primo “cancello” – una sorta di check point podistico – è collocato a Casteggio, 53 km dal centro città; gli atleti dovranno raggiungerlo entro 7 ore dalla partenza; il secondo cancello è a Ovada altri 70 km che iniziano a inerpicarsi lungo un tratto da coprire in un tempo massimo che già sembra impossibile, 17 ore. Da quel punto alla fatica di avere alle spalle più di 100 chilometri inizia anche la salita fino ai 600 metri di altitudine per altri 44 km per spuntare a rivedere il mare a Genova Voltri. Dalla città ligure per raggiungere la metà mancherà un cancello a Loano e un tragitto di altri 120 chilometri.