Palermo si è svegliata alle 5.30 per correre e per stare bene…


Vento di scirocco per la tappa palermitana della Run 5.30 che si è disputata stamani nel capoluogo siciliano. Quasi 30 gradi (in attesa del sole) che non hanno scoraggiato i circa 600 podisti che hanno “invaso” piazza Politeama quando ancora erano ancorano buio e silenzio i padroni della città. Ed invece quel fiume color magenta è cresciuto minuto dopo minuto, fino a diventare una vera e propria IMG_1753 (Copia)“piena” che alle 5.30   ha invaso il centro cittadino. Da via Ruggero Settimo a corso Vittorio Emanuele, per poi tuffarsi tra i vicoletti della Vucciria, il Foro Italiaco, via Roma e il ritorno in piazza Politeama. In tutto circa 5600 metri tra gioia e libertà. Libertà di abbracciare la città quando ancora dorme o si appresta a svegliarsi, libertà di correre accanto agli amici di sempre, libertà se scegliere di correre o più semplicemente camminare. La corsa nel suo aspetto più bello, senza cronometri, classifiche, senza numeri, senza troppi vincoli, la corsa come benessere psico-fisico, la mattina come dolce ninna nanna che ti sveglia piano piano. Il ristoro finale è stato poi stato in piena sintonia con la “mission” della manifestazione, un ristoro a base di frutta fresca , pane e miele, il tutto offerto dalla Coldiretti e rigorosamente a chilometro zero.

IMG_1580 (Copia)

Ottima l’organizzazione a cura di Luisa Balsamo  (coadiuvata dal suo staff) promotrice anche quest’anno dell’evento palermitano. Numeri quasi raddoppiati rispetto alla scorsa edizione, così come il successo ed il divertimento. Alla fine tutti a casa o al lavoro, intanto la città è già sveglia e il sogno 5.30 viene via con tutti noi…un sogno che prosegue in giro per l’Italia, prossima tappa Milano 22 maggio, da Palermo la cartolina è già stata spedita…

Photogallery    CLICCA QUI

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *