Il norvegese Sletten e il francese Narce in handbike alla Treviso Marathon


Sarà nuovamente di respiro internazionale la gara delle categorie diversamente abili della Treviso Marathon 1.1 che nel 2014 vede il ritorno dei veterani Oivind Sletten, paralimpico norvegese, e del francese Ludovic Narce. Entrambi gli atleti, dopo aver partecipato inizialmente nella categoria delle carrozzine olimpiche, negli ultimi anni sono passati alla categoria handbike per affrontare nuove sfide e collezionare nuove soddisfazioni. Grandi successi in particolare per Ludovic Narce, che nelle ultime due edizioni ha condiviso il podio fianco a fianco con Alex Zanardi. Oivind è presente a Treviso dal 2007, pochi mesi dopo un incontro fortuito con il grande paralimpico Alvise De Vidi che, essendo di casa, gli consigliò di gareggiare in terra trevigiana. Consiglio preso alla lettera da Oivind visto che da allora non ha più mancato un’edizione e ritorna sempre con grande entusiasmo. Insomma, un vero e proprio fedelissimo della Treviso Marathon.

clickò (Copia)

Dalla Spagna ritorna l’atleta paralimpico Rafael Botello Jimenez che, dopo un anno di assenza, sarà per la quinta volta sulla linea di partenza della categoria delle carrozzine olimpiche per provare il nuovo percorso e riconquistare il podio che lo vide sul primo gradino nel 2012. Botello Jimenez è un’atleta di grande rilievo, conta due partecipazioni alle Paralimpiadi di Pechino e Londra e vanta inviti e partecipazioni alle più grandi maratone internazionali come New York, Los Angeles, Boston. Allo stesso tempo l’atleta spagnolo è impegnato in un importante progetto per promuovere lo sport tra le persone diversamente abili nel suo paese di origine attraverso raccolte fondi e iniziative dedicate. Dalla Spagna Rafael porterà con sé il connazionale paratriatleta Francesc Sola Garcia e insieme sfrutteranno l’esperienza italiana come test per la prossima sfida all’Ironman di Lanzarote che li vedrà gareggiare insieme a maggio nell’isola delle Canarie. In gara anche l’austriaco Ferchl Gottfried, il quarantaquattrenne vincitore l’anno scorso a Treviso e tra i primi a iscriversi per l’edizione 2014 grazie anche all’accoglienza ricevuta da organizzatori e pubblico.

iiiii (Copia)

Tra gli atleti italiani al via della Treviso Marathon 1.1 ci sarà per la prima volta anche Mauro Tomasi che con la sua carrozzina normale monoguida percorrerà tutti i 42km e 195 metri con l’ausilio di un solo braccio. Mauro, già presente in numerose maratone italiane dal 2012 non utilizza una handbike o una carrozzina olimpica perché vuol essere di esempio e incoraggiamento per tutti coloro che hanno bisogno di una motivazione in più per credere che, come dice lui, ”volendo si può arrivare!”.

 

GLI ATLETI DI CASA

Al via non mancheranno gli affezionatissimi “Amici di Diego” (www.associazioneamicididiego.it), un’associazione che dal 2004 dà la possibilità ai ragazzi affetti da gravi disabilità di vivere le emozioni di una gara così meravigliosa, come la maratona.

click (Copia)

In griglia di partenza, come maggior rappresentativa coneglianese e trevigiana, il Body Evidence Conegliano, con sette atleti capitanati da Valeria Corazzin e schierati in prima fila ad aprire la gara delle handbike. La campionessa sessantunenne residente a Visnadello di Spresiano, con un passato nel canottaggio (anche un secondo posto ai mondiali nel doppio), sarà una delle atlete da battere: lo scorso anno è stata vincitrice di diverse gare, tra cui la Belluno – Feltre, ed è salita sul secondo gradino del podio al Giro d’Italia di handbike e ai campionati italiani su strada del ciclismo paralimpico (prova a cronometro, categoria WH3).

Una menzione speciale va al grande campione paralimpico Alvise De Vidi che non sarà alla partenza ma che grazie alla sua preziosa collaborazione (ha visionato metro per metro il percorso negli ultimi chilometri in centro a Treviso la responsabile di settore Chiara Crosato) permette da sempre all’organizzazione di avere un punto di vista più preciso e attento nei confronti della gara degli atleti diversamente abili.

 

Treviso Marathon – Ufficio Stampa e Comunicazione